Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Saba prima del ''Canzoniere'': ''Poesie'' (1911)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2 abbandona quasi subito il corso di letteratura italiana, perché come risulta da una sua lettera al Tedeschi “il prof. Cian è un pedante che addormenta gli allievi con la sua voce tranquilla e monotona di topo da biblioteca”, pochi mesi dopo lascia anche gli altri corsi e torna a Trieste per curarsi da un attacco di neurastenia. Un anno dopo, precisamente nell’autunno 1904, si stabilisce a Firenze, dove intende prendere contatto con gli intellettuali del tempo (vi conoscerà Papini e Prezzolini, futuri fondatori de «La Voce») e soprattutto “rimediare” alla sua arretratezza culturale giovandosi del clima fertile e vivace della città toscana. Il poeta subirà però nel capoluogo toscano delle profonde delusioni, lo apprendiamo da una lettera al Tedeschi del 19 gennaio 1905: “La cricca letteraria di Firenze mi muove guerra ad oltranza; usando naturalmente di tutti i mezzi della mediocrità. Il silenzio, le lodi peggiori di ogni biasimo, la calunnia e via discorrendo” e da un sonetto di Autobiografia, che ci testimonia la difficoltà d’inserimento del poeta: A Giovanni Papini, alla famiglia che fu poi della «Voce», io appena o mai non piacqui. Ero fra lor di un’altra spece. (10.12-4) Nel periodo fiorentino Saba coltiva soprattutto l’interesse per il teatro, sia andando agli spettacoli, sia abbozzando alcune tragedie (Il Masaccio, La giovanezza di Vittorio Alfieri, Giacomo Leopardi) che probabilmente rimarranno incompiute; frequenta circoli artistici e partecipa a serate di lettura pubblica in cui si presenta con il nuovo nome di Umberto da Montereale. Sono di quegli anni la poesia Il borgo, pubblicata su «Il lavoratore» del I maggio 1905 e Intorno a una cappella chiusa, pubblicata su «Poesia» nel 1908, ma probabilmente anteriore di almeno un anno. Risale sempre a questo periodo l’incontro con Gabriele D’Annunzio (probabilmente settembre 1906) di cui Saba parlerà molti anni dopo nello stesso sonetto di Autobiografia or ora ricordato in cui sono rievocati momenti del suo soggiorno fiorentino:

Anteprima della Tesi di Cristina Gavagnin

Anteprima della tesi: Saba prima del ''Canzoniere'': ''Poesie'' (1911), Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Cristina Gavagnin Contatta »

Composta da 339 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7386 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.