Skip to content

Le rogatorie internazionali in materia penale

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
17 nell’art. 10 (comma 1), laddove si stabilisce che l’ordinamento giuridico italiano debba conformarsi alle norme del diritto internazionale generalmente riconosciute 22 . Esiste tuttavia un limite all’adattamento automatico che è costituito dai valori fondamentali che ispirano la nostra Costituzione 23 . Il problema delle categorie di norme internazionali in relazione alle quali occorreva predisporre l’adattamento automatico fu affrontato nella commissione per studi attinenti alla riorganizzazione dello Stato nominata dal Ministro per la costituente. Nei lavori preparatori della commissione Stati, dal ripetersi cioè di una data condotta, accompagnato dalla convinzione dell’obbligatorietà della medesima. Gli elementi che caratterizzano questa fonte sono due: la diuturnitas (prassi) e l’opinio iuris sive necessitatis. Rientrano nel diritto internazionale generale anche i principi generali di diritto riconosciuti dalle nazioni civili che costituiscono una specie di norme consuetudinarie. Oltre alle consuetudini generali si afferma l’esistenza di consuetudini particolari, cioè vincolanti un ristretto numero di Stati, come per esempio le consuetudini regionali o locali formatesi tra gli Stati dell’America latina. 22 Questa norma sancisce un procedimento c.d. speciale di adattamento, caratterizzato dal fatto che introduce nell’ordinamento norme internazionali mediante semplice rinvio ad esse. Una diversa modalità di adattamento del diritto interno al diritto internazionale è costituita dal c.d. procedimento ordinario, il quale comporta la riformulazione della norma internazionale all’interno dello Stato. Questo secondo metodo è indispensabile se la norma internazionale è non self- executing, cioè richieda un’attività integratrice degli organi statali per la sua applicazione. Queste due procedure, seppure diverse, in certi casi possono coesistere, come ad esempio nell’ipotesi in cui si sia dato ordine di esecuzione a un trattato (di solito mediante legge) senza riformularne le norme e successivamente si siano create regole corrispondenti alle norme non self-executing contenute nel trattato medesimo. In dottrina, generalmente, si ritiene che il procedimento speciale sia preferibile, a causa degli inconvenienti che potrebbe cagionare quello ordinario. Tali svantaggi si manifestano nel momento in cui il giudice applica la norma interna di adattamento, la quale potrebbe riferirsi a norme internazionali inesistenti o estinte; in aggiunta, l’interprete deve applicare la norma nazionale di adeguamento al diritto internazionale, anche se chi ha emanato la norma interna (il legislatore nel caso più comune di norme legislative o l’organo amministrativo nel caso di regolamenti o atti amministrativi) non abbia interpretato correttamente la norma internazionale da introdurre nel nostro ordinamento. Sulla base di quanto detto, il procedimento speciale sembra essere il più idoneo ad assicurare l’osservanza del diritto internazionale; l’utilizzo di questo tipo di procedimento di adattamento del diritto interno al diritto internazionale, infatti, comportando l’introduzione, nel nostro ordinamento, di una norma interna che opera un mero rinvio alle norme internazionali vigenti nell’ordinamento internazionale, evita di “incappare” in uno degli inconvenienti (appena visti) cagionati dal procedimento ordinario. Cfr. B. CONFORTI, Diritto internazionale, Napoli, 1997, p. 296 s. 23 Il fatto che l’esigenza del conformarsi dell’ordinamento giuridico italiano alle norme del diritto internazionale generale sia posta da una norma costituzionale, implica che le varie disposizioni della Costituzione debbano essere interpretate alla luce del diritto internazionale generale. Nel caso di contrasto fra una norma costituzionale ed una internazionale, non risolvibile con l’interpretazione, secondo la Corte costituzionale (sent. n. 48 del 1979) prevale la seconda ove si tratti di una norma internazionale generale formatasi prima del 1948; se si discute, invece, di una norma internazionale successiva all’entrata in vigore della Costituzione, essa prevale sulla Carta Fondamentale soltanto se la norma costituzionale non rientri tra i principi fondamentali dell’ordinamento. A tal proposito, si sostiene che l’art. 10 della Costituzione, interpretato sistematicamente, contenga una clausola implicita di salvaguardia dei principi considerati essenziali al nostro sistema giuridico (B. CONFORTI, Diritto, cit., p. 307 – 308).
Anteprima della tesi: Le rogatorie internazionali in materia penale, Pagina 12

Preview dalla tesi:

Le rogatorie internazionali in materia penale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Mirko Zantedeschi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Trento
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Marcello Busetto
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 185

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

assistenza giudiziaria internazionale
rogatorie internazionali
procedura penale
legge n. 367-2001
commissione rogatoria

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi