Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Piani Energetici e Ambientali Comunali: definizione dei criteri per la scelta degli interventi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Introduzione La parte della legge che si riferisce ai piani comunali relativi all’uso delle fonti rinnovabili, descrive cosa si debba intendere per fonte rinnovabile e per fonte assimilata. Sono considerate fonti rinnovabili di energia: il sole, il vento, l’energia idraulica, le risorse geotermiche, le maree, il moto ondoso e la trasformazione dei rifiuti organici ed inorganici o di prodotti vegetali. Sono considerate fonti di energia assimilate alle fonti rinnovabili di energia: la cogenerazione, intesa come produzione combinata di energia elettrica o meccanica e di calore, il calore recuperabile nei fumi di scarico e da impianti termici, da impianti elettrici e da processi industriali, nonché le altre forme di energia recuperabile in processi, in impianti e in prodotti ivi compresi i risparmi di energia conseguibili nella climatizzazione e nell’illuminazione degli edifici con interventi sull’involucro edilizio e sugli impianti. L’incentivazione delle fonti rinnovabili e assimilate interessa, quindi, tutti quei settori dove si consuma, dove si produce o dove si verifica una trasformazione di energia. Visto il legame molto forte tra usi energetici e i risvolti ambientali che derivano da tali usi, il piano previsto dalla legge 10/91 diviene un piano energetico con valenza anche ambientale. Il Comune di Perugia nel 2000 ha avviato l’iter per la redazione di un Piano Energetico e Ambientale Comunale (PEAC). L’iter si è sviluppato in tre fasi. Nella prima fase si è redatto un Piano Operativo di Dettaglio dove si esprimevano le linee guida e la tempistica per la redazione del PEAC. La seconda fase è consistita nella redazione del Piano Preliminare. In questa fase si è effettuata una ricognizione della normativa vigente e si è valutata la situazione del territorio comunale sotto vari profili: economico, demografico, energetico e ambientale. 4

Anteprima della Tesi di Antonio Randazzo

Anteprima della tesi: Piani Energetici e Ambientali Comunali: definizione dei criteri per la scelta degli interventi, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Antonio Randazzo Contatta »

Composta da 437 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4174 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.