Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Piani Energetici e Ambientali Comunali: definizione dei criteri per la scelta degli interventi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

CAPITOLO 1 Riferimenti normativi usi definiti come “essenziali”, cioè necessari per la salute e la sicurezza, oppure per la loro importanza per il funzionamento della società, sempre che non vi fossero alternative tecnicamente ed economicamente praticabili, nonché eco- compatibili. Circa settanta paesi, tra quelli che producono il 90% del volume mondiale dei clorofluorocarburi, aderirono al Protocollo. La prima conferenza sul clima si è tenuta nel 1988 a Toronto; questa servì a focalizzare l'attenzione sulle conseguenze dei cambiamenti climatici provocati dall'effetto serra e fissò come obiettivo, per i paesi industrializzati, la riduzione del 20%, rispetto ai livelli del 1988, delle emissioni di CO 2 entro il 2005. Successivamente, nel giugno 1992, si è tenuta la Conferenza di Rio de Janeiro promossa dall'Organizzazione della Nazioni Unite su "Ambiente e Sviluppo" (UNCED). La conferenza ha sancito cinque principi di fondamentali importanza: o il diritto allo sviluppo deve essere realizzato in modo da soddisfare anche le esigenze delle generazioni future; o la tutela dell'ambiente deve costituire parte integrante delle politiche economiche, non essere distinta ed aggiuntiva rispetto ad esse: i costi ambientali dovranno essere internalizzati tra i costi di gestione di impresa, secondo l'approccio detto “chi inquina paga”; gli stati inoltre dovranno favorire le pratiche a minor impatto ambientale attraverso strumenti economici adeguati (incentivi); o le responsabilità riguardanti il degrado ambientale del pianeta non sono equamente suddivise ma sono maggiori per i Paesi del Nord sviluppato e minori per i Paesi del Sud, di conseguenza anche l'impegno deve essere differenziato; o per affrontare efficacemente i problemi ambientali è necessario assicurare la partecipazione dei cittadini a diversi livelli; o in caso di rischio, di danno grave o irreversibile l'assenza di certezza scientifica assoluta non deve servire da pretesto per rinviare l'adozione di 9

Anteprima della Tesi di Antonio Randazzo

Anteprima della tesi: Piani Energetici e Ambientali Comunali: definizione dei criteri per la scelta degli interventi, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Antonio Randazzo Contatta »

Composta da 437 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4174 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.