Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La bancassicurazione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2 Cominciando dal credito, nel contesto normativo della legge bancaria del 1936, era riservata alle banche l’attività di trasferimento e trasformazione della moneta. In pratica erano abilitate alla raccolta del risparmio tra i soggetti in attivo (famiglie) per poi erogare prestiti a soggetti in passivo (imprese). La legge attribuiva ai poteri pubblici la giuda dell’attività creditizia: il compito era difendere il risparmio ed indirizzare il credito. All’apparato pubblico erano attribuiti dunque penetranti poteri amministrativi di controllo riguardanti, in particolare, l’entrata nel settore bancario, la gestione, il controllo dello stato di crisi. Importante porre l’accento su come, tali poteri, fossero affidati agli organi preposti senza alcuna indicazione dei limiti (di fatto l’autorizzazione all’esercizio dell’attività bancaria poteva essere subordinata alle esigenze del mercato) 2 . Sfuggiva alla riserva dell’attività creditizia un tipo di collocazione del risparmio: l’investimento. In tal caso, il trasferimento delle risorse dal pubblico dei risparmiatori agli operatori economici, evitava l’interposizione bancaria poiché si realizzava attraverso l’acquisto di titoli di credito emessi dalle imprese 3 . 2 R. Locatelli “Rischio ed intermediazione nelle banche e negli assicuratori”, Bologna, Il mulino, 1995 3 Il sistema finanziario italiano rappresentava un tipico esempio di modello finanziario orientato prevalenza agli “intermediari” in quanto il ruolo principale nel meccanismo di trasmissione dei flussi di risparmio è proprio degli intermediari creditizi cui compete il finanziamento del sistema produttivo. Al contrario, invece, nei sistemi finanziari orientati al “mercato”, sviluppati soprattutto nei paesi anglosassoni, lo sviluppo del mercato mobiliare permette un collegamento diretto tra i settori in deficit e settori in avanzo. Argomentazioni più

Anteprima della Tesi di Arianna Conti

Anteprima della tesi: La bancassicurazione, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Arianna Conti Contatta »

Composta da 167 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 14204 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 24 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.