Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I processi alle streghe: la disputa settecentesca

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Anche quando la prova di colpevolezza di una persona era insufficiente secondo la legge, i giudici applicavano la tortura nel presupposto che l’imputata fosse colpevole e, quindi, dicesse la verità solo se torturata o minacciata: un uso della tortura per confermare i sospetti, dare corpo alle fantasie degli inquisitori e acquisire nomi dei complici per dar luogo alla caccia di dozzine, centinaia di persone. Ci troviamo di fronte a un giudice che può abbandonare l’ordinario metodo prescritto dalle leggi circa l’ordine giudiziale, gli indizi per l’inquisizione, la cattura e la tortura: tutto è possibile quando si ha davanti un delitto di stregoneria, persino impedire all’imputato di difendersi e di dimostrare la sua innocenza. Il giudice, pur di condannare, può, non dire il falso, ma nascondere una parte della verità con espressioni equivoche e tanto peggio per il reo se non si accorge del tranello. Il Malleus Maleficarum contiene una precisa descrizione del processo, indicando che questo può variare a seconda delle situazioni: davanti al giudice un soggetto può accusare del crimine di eresia fornendo prove, denunciando senza prove, oppure il giudice procede d’ufficio e non su istanza di parte. Nel caso ci siano testimoni, le loro deposizioni devono essere trascritte fedelmente da un pubblico ufficiale o da uomini idonei, dopo aver giurato sui Vangeli o sulla croce. E’ necessario sapere il numero, le condizioni dei testimoni e le loro accuse devono essere concordi sul fatto della stregoneria. Il giudice potrà riascoltarli più volte per constatare se le loro visioni sono state modificate a distanza di tempo o per far precisare alcuni fatti troppo confusi o poco approfonditi. Non sono ammessi a testimoniare nemici mortali, però il giudice non deve essere facile nel credere che i testimoni siano nemici mortali, poiché le streghe risultano odiose a tutti e deve verificare la realtà delle loro affermazioni. Il giudice deve rendere il più breve possibile e limitare la dilazione della lite, respingendo eccezioni, gli appelli, frenando le discussioni di avvocati e procuratori: nelle cause riguardanti la fede si può procedere in modo spedito semplice e sommario, anche se tale procedimento porta ad imprigionare la persona denunciata per un certo periodo, poiché se dopo qualche anno “depresso dallo squallore del carcere, questa confessa i suoi crimini, il giudice non avrà agito ingiustamente, ma secondo giustizia”. Se la strega ha però negato tutto, sorge il dubbio della validità dell’arresto: per alcuni è

Anteprima della Tesi di Laura Monica Cancelli

Anteprima della tesi: I processi alle streghe: la disputa settecentesca, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Laura Monica Cancelli Contatta »

Composta da 238 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8423 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.