Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Riflessi organizzativi delle strategie di gestione dei rischi nelle imprese bancarie: i rischi operativi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 questo punto è considerare, allora, il ruolo svolto dal capitale nelle imprese bancarie; difatti, mentre per le perdite attese le banche predispongono opportuni accantonamenti e riserve, per le perdite inattese –che rappresentano la manifestazione “tangibile” del rischio–, subentra il ruolo del capitale che agisce da “cuscino” per assorbire tali perdite. Il livello di capitale, quindi, che una banca deve detenere è direttamente correlato alla sua esposizione ai rischi e al livello di sicurezza che si vuole mantenere: è evidente che, a parità di rischio, il capitale in eccesso rappresenta una garanzia aggiuntiva di solvibilità della banca.6 Nel momento in cui una banca va a decidere circa il livello di dotazione patrimoniale e quindi di leva finanziaria7, deve tener conto delle esigenze di diverse categorie di stakeholder quali:8 a. Le esigenze delle Autorità di Vigilanza per le quali è auspicabile una elevata patrimonializzazione onde evitare il rischio sistemico9 . dall’attività di servizio (utili/perdite operative) sia dai mutamenti di valore degli investimenti iscritti sui libri aziendali.” MASERA R. e MAINO R. (2002), “Capitale e rischio: recenti tendenze e prospettive nella patrimonializzazione delle banche italiane.” A.S.S.B.B. Quaderno N. 196 pag.13 6 TROIANI M. (2000), “Il processo di allocazione del capitale e gli impatti sulla pianificazione e il controllo di gestione” Bancaria N. 5/2000. 7 Intesa presso gli intermediari come rapporto tra patrimonio e attivo totale che, secondo la prassi della Vigilanza viene ponderato per il rischio e che è un’espressione delle tensioni cui è sottoposta la banca nel proprio ambito finanziario, operativo e regolamentare, nel passaggio da banca- istituzione a banca-impresa. Cfr MASERA e MAINO (2002), op cit. pag.19 8 TROIANI M. (2000), op cit.

Anteprima della Tesi di Marco D'abbruzzo

Anteprima della tesi: Riflessi organizzativi delle strategie di gestione dei rischi nelle imprese bancarie: i rischi operativi, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Marco D'abbruzzo Contatta »

Composta da 194 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3721 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.