Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Riflessi organizzativi delle strategie di gestione dei rischi nelle imprese bancarie: i rischi operativi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

18 basata soprattutto sulle autorizzazioni ad una più flessibile basata su alcune “regole del gioco” entro le quali deve essere svolta l’attività bancaria. Tali regole, che mirano ad assicurare una gestione bancaria a rischio controllato, sono state organizzate attorno al patrimonio delle banche e sono espresse tramite coefficienti patrimoniali minimi obbligatori. 15 Tali coefficienti sono definiti a livello internazionale dal Comitato di Basilea e poi recepiti nei vari Paesi tramite la regolamentazione delle Autorità di Vigilanza nazionali. L’Accordo di Basilea del 1988 (che prevedeva requisiti patrimoniali solo a fronte dei rischi di credito e che è stato “aggiornato” nel 1996 con l’introduzione di requisiti anche per i rischi di mercato), è stato modificato con un altro del Gennaio 2001 (che probabilmente entrerà in vigore nel 2005) che prevede requisiti patrimoniali oltre che per i rischi di credito e di mercato, anche per i rischi operativi. Riguardo al coefficiente patrimoniale (detto di solvibilità) che le banche devono rispettare, esso è dato dal rapporto tra patrimonio di Vigilanza 16 e la somma delle attività ponderate esposte al rischio di 15 Cfr RUOZI R. (2000), “Economia e Gestione della Banca” EGEA. Milano. pag.39 16 Composto da patrimonio di base (Tier 1 capital) e patrimonio supplementare (diviso in Tier 2 e Tier 3). Il patrimonio di base è composto da capitale sociale, riserve utili e altre riserve esplicite ed è quindi il capitale economico o equity capital, il patrimonio supplementare è invece composto da capitale di debito (debito subordinato) e da strumenti ibridi di capitalizzazione. Cfr. CHESINI G. e GUALANDRI E. (2002), “Il Nuovo Accordo di Basilea sul capitale: trend nella regolamentazione e nella valutazione del rischio di credito”. Banche e banchieri N. 2 2002

Anteprima della Tesi di Marco D'abbruzzo

Anteprima della tesi: Riflessi organizzativi delle strategie di gestione dei rischi nelle imprese bancarie: i rischi operativi, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Marco D'abbruzzo Contatta »

Composta da 194 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3721 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.