Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Uno studio empirico sui canali di diversificazione del rischio: il caso dei paesi dell'Unione Monetaria Europea

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1 Teoria e letteratura del risk sharing (2) )()()()( (1) ))(),(( )()( max 1t N 1j j ∑∑ ∑∑ ≡≤≡ ∞ == jj t A t j t j t A t j t j t tj sesescsc sscus δπρλ (1), sotto il vincolo di bilancio (2) per ogni t s : dove j è l’indice delle famiglie, t è l’indice di tempo, j λ è il peso paretiano della famiglia j, j ρ è il fattore di sconto per la famiglia j, )( t sπ è la probabilità che si verifichi lo stato t s e )( t j sc è il consumo della famiglia j al tempo t nello stato del mondo t s . Il termine []1,0)( ∈ t sπ ed è tale che ∑ = t s t s 1)(π , per ogni t (la notazione ∑ t s indica la somma su tutti i possibili stati del mondo ad ogni istante di tempo). Gli shock sulle preferenze )( t j sδ possono indicare arbitrariamente sia variazioni cross-sectional che variazioni intertemporali delle preferenze. Inoltre, )( t j se indica la dotazione della famiglia j al tempo t, e )( t A se indica la quantità del bene di consumo disponibile al tempo t. Le analisi non cambiano se supponiamo che esista una funzione di produzione collegata all’ammontare totale del consumo disponibile nei diversi istanti di tempo e nei diversi stati del mondo: il pianificatore può risolvere il nuovo problema determinando prima la distribuzione ottimale degli aggregati nel tempo e tra gli stati del mondo, e poi la distribuzione di tali aggregati agendo come se fossero delle dotazioni. Poniamo per convenzione ≡ j t c )( t j sc , ≡ j t δ )( t j sδ , e così via. Se deriviamo rispetto a j t c , le condizioni del primo ordine implicano che: (3) ) ,( )( tt µδλρ = jj tc jj cu

Anteprima della Tesi di Angela Parenti

Anteprima della tesi: Uno studio empirico sui canali di diversificazione del rischio: il caso dei paesi dell'Unione Monetaria Europea, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Angela Parenti Contatta »

Composta da 189 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1269 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.