Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Uno studio empirico sui canali di diversificazione del rischio: il caso dei paesi dell'Unione Monetaria Europea

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1 Teoria e letteratura del risk sharing Eulero per un individuo dovrebbe avere un errore di previsione pari a zero. Ovviamente, gli errori delle equazioni di Eulero possono essere uguali senza avere media zero (assicurazione del consumo senza reddito permanente) e viceversa. Al fine di neutralizzare gli effetti di shock idiosincratici sulla dinamica del consumo si può far ricorso al mercato delle attività (ad esempio, impiegando il proprio portafoglio in azioni collegate ad attività diversificate sul territorio), al mercato del credito (ad esempio, assumendo posizioni creditorie o debitorie a seconda del tipo di shock che colpisce il reddito), agli interventi di politica economica (ad esempio, facendo affidamento a manovre redistributive e di sostegno anticiclico della domanda). Sotto l’ipotesi di mercati completi gli agenti possono sottoscrivere contratti di contingent claim che forniscono piena assicurazione contro gli shock idiosincratici sul reddito. I problemi di asimmetria informativa come il moral hazard o l’adverse selection 2 rendono però difficile l’implementazione di tali contratti, che sono infatti raramente osservati nella realtà. La piena assicurazione può essere ottenuta anche quando esistono istituzioni che implementano allocazioni ottimali del consumo. Alcune di queste istituzioni esistono nella realtà ed includono ad esempio le indennità di disoccupazione ed invalidità e l’assistenza medica; i programmi di welfare e i programmi sociali del governo; l’insieme dei trasferimenti governativi per le calamità naturali come siccità, alluvioni, terremoti; e, infine, i meccanismi di assicurazione informale che includono doni o prestiti fatti dai parenti o dagli amici. Esistono inoltre forme di altruismo intergenerazionale che possono implementare allocazioni ottimali del consumo all’interno di una famiglia 3 e 2 L’asimmetria informativa è un fenomeno tipico dei contratti di assicurazione che si ha quando uno dei contraenti possiede più informazione dell’altro sulla probabilità degli eventi. In particolare il moral hazard attiene al legame di dipendenza che può sussistere tra la probabilità di un evento (di solito l’evento dannoso) e il comportamento dell’assicurato, mentre l’adverse selection concerne l’eterogeneità delle probabilità individuali rispetto alla frequenza media: l’offerta dell’assicurazione a un premio medio opererebbe una selezione della domanda tale da indurre ad assicurarsi solo gli individui più esposti al rischio. 3 Vedi Abel e Kotlikoff (1988) e Altonji, Hayashi e Kotlikoff (1992) per lo studio delle implicazioni sul consumo dell’altruismo intergenerazionale.

Anteprima della Tesi di Angela Parenti

Anteprima della tesi: Uno studio empirico sui canali di diversificazione del rischio: il caso dei paesi dell'Unione Monetaria Europea, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Angela Parenti Contatta »

Composta da 189 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1269 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.