Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Capitale umano e Mezzogiorno. I nuovi termini della questione meridionale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 produttività delle risorse umane, imprigionate in una spirale perversa di: - bassi salari - bassa produttività - non rispetto delle regole - illegalità diffusa - emarginazione di sistema crescente L'ampia diffusione del lavoro irregolare nell'economia meridionale comporta la presenza di segmenti dove il salario di fatto è nettamente inferiore a quello contrattuale. Del resto, anche il differenziale salariale medio nei confronti del Nord si è allargato negli ultimi anni: le gabbie salariali esistono già nei fatti e si vanno anzi allargando in alcuni comparti. Le stime fornite dallo Svimez mostrano che, fatto pari a 100 il reddito da lavoro dipendente di un'unità di lavoro nella trasformazione industriale nel Centro-Nord, il corrispondente valore al Sud era 79 nel 1989, 80,4 nel 1996 e 77,4 nel 1999.

Anteprima della Tesi di Salvatore Romanazzi

Anteprima della tesi: Capitale umano e Mezzogiorno. I nuovi termini della questione meridionale, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Salvatore Romanazzi Contatta »

Composta da 219 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5024 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.