Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il ruolo strategico degli intangibles nel crisis management

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 allocazione delle risorse e la crescita del sistema economico» (TEDESCHI- TOSCHI P. 1993; p. 7). Questa concezione risente delle neonate teorie della scuola classica 6 e di quelle successive della scuola neo classica 7 in base alle quali «l’espulsione dal mercato delle imprese non competitive» era «un mezzo per migliorare l’efficienza del sistema economico» (TEDESCHI-TOSCHI P. 1993; p. 7). Con la fine del XIX ha inizio il periodo che Lewis e Stanworth definiscono del “capitalismo burocratico” poiché caratterizzato «dall’introduzione di strumenti contabili e di leggi finalizzate alla regolamentazione dell’industria e del commercio» (TEDESCHI-TOSCHI P. 1993; p. 9). Il termine crisi di un’impresa indicava lo «squilibrio tra le attività e passività aziendali» (TEDESCHI-TOSCHI P. 1993; p. 9). La crisi veniva ravvisata quindi nella mancanza di liquidità e nella conseguente incapacità dell’impresa di far fronte alle proprie obbligazioni. In questo fase la sua accezione era molto negativa indicando un momento estremo nella vita di un ‘impresa. 6 La crisi è concepita come un’ evento accidentale ,il cosiddetto “impensabile di Ricardo” ,derivante cioè da fattori esterni al sistema produttivo dal momento che l’equilibrio è pensato come naturale. Inoltre la produzione è rappresentata come capace di creare da se stessa la sua domanda: questa è la celebre “legge degli sbocchi” (1803) di Jean-Baptiste Say .Cfr. ROSIER B., (1987), Teoria delle crisi economiche, Sansoni, Firenze p. XII. 7 Viene sviluppata la “teoria dell’ equilibrio generale” in base alla quale un’economia di mercato dovrebbe ignorare qualsiasi disequilibrio e qualsiasi crisi, salvo nei casi in cui ci sia nel mercato informazione incompleta, concorrenza imperfetta, influenza degli uni su gli altri, interventi dello stato… tutti fenomeni che caratterizzano i mercati reali. Cfr. ROSIER B., (1987), Teoria delle crisi economiche, Sansoni, Firenze p. XIV. Per approfondire l’argomento Cfr. WALRAS L. (1874) Elementi di economia politica pura.

Anteprima della Tesi di Gennaro Piccirillo

Anteprima della tesi: Il ruolo strategico degli intangibles nel crisis management, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Gennaro Piccirillo Contatta »

Composta da 315 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3929 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.