Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Nuove frontiere per la valutazione: un possibile approccio per un progetto di iniziativa comunitaria

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1.1 Una definizione di valutazione La valutazione è principalmente un’attività di ricerca sociale, applicata, realizzata nell’ambito di un processo decisionale, in maniera integrata con le fasi di programmazione, progettazione ed implementazione, avente come scopo la riduzione della complessità decisionale attraverso l’analisi degli effetti diretti e indiretti, attesi oppure no, voluti o non voluti dell’azione sociale, compresi quelli non riconducibili ad aspetti materiali. In questa situazione la valutazione assume il ruolo peculiare di strumento condiviso di giudizio di azioni socialmente rilevanti, assumendone necessariamente le conseguenze operative relative al rapporto tra decisori, operatori e utenti dell’azione. Valutare quindi (Hadji, 1992) significa: • confrontare, mettere in rapporto una realtà (dei dati di fatto) con un riferimento (progetto, intenzione, modello, …); • apprezzare, esprimere un giudizio relativamente ad una realtà in rapporto ad un riferimento; • produrre informazione utile a supporto delle decisioni. Essa è strumento chiamato non solo a misurare e a documentare eventi, ma anche azioni, e come tale necessariamente entra nella sfera dei comportamenti dei soggetti. Il primo carattere della valutazione da richiamare è la consapevolezza che essa è soprattutto una logica scientifica applicata ad un contesto politico: bisogna quindi tenere conto di tutte le contraddizioni che ne conseguono. Un altro carattere costitutivo della valutazione è che essa è strumento non autonomo ma è strettamente connessa a progetti espliciti d’azione sociale, in altre parole ad un programma rigorosamente strutturato. La valutazione si occupa poi di fenomeni dinamici che non possono essere analizzati al di fuori della dimensione temporale: ciò crea alcune complicazioni dovute ai cambiamenti e agli adeguamenti che possono intervenire nei vari contesti.

Anteprima della Tesi di Enrico Rancan

Anteprima della tesi: Nuove frontiere per la valutazione: un possibile approccio per un progetto di iniziativa comunitaria, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Statistiche

Autore: Enrico Rancan Contatta »

Composta da 164 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1088 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.