Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Nascita ed evoluzione del concetto di Welfare State

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 omissioni, operate per motivi di spazio nonché per non tradire la coerenza e la natura del mio lavoro, sono state in taluni casi molto dolorose (si pensi all’omissione dello sviluppo del Welfare in Francia, negli Stati Uniti e nel blocco Sovietico). Tuttavia l’esigenza di ripercorrere le tappe principali che spieghino il Welfare occidentale contemporaneo, mi ha convinto a concentrarmi sullo studio della storia di Inghilterra, Svezia, Germania e Italia. Le politiche sociali di tali Paesi costituiscono la matrice principale e il modello dello sviluppo dei Welfare contemporanei di tutto il mondo. Il quarto capitolo è “corollato”, poi, dal successivo: le ultime evoluzioni del Welfare State viste nel continuum temporale presentato. In effetti nel quinto capitolo cerco di presentare lo stato degli attuali Welfare System come una naturale conseguenza delle politiche sociali che tali Paesi hanno adottato nel corso della storia. In tale sede si farà riferimento anche al dibattito concernente gli ultimissimi indirizzi delle riforme welfariane che gli Stati stanno introducendo. In conclusione, il lavoro spero risulti chiaro, interessante e interpreti bene l’obiettivo di una tesi di Scienza Politiche, la

Anteprima della Tesi di Valerio Cappelletti

Anteprima della tesi: Nascita ed evoluzione del concetto di Welfare State, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Valerio Cappelletti Contatta »

Composta da 172 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 20004 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 43 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.