Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Produzione e distribuzione dell'energia elettrica in Italia. Gli effetti delle recenti normative

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

18 alla programmazione economica, uno sviluppo armonico dell'intero settore. Viene sviluppata in questi anni un'efficiente rete di trasporto dell'energia elettrica a 380 kV, e si fanno esperimenti su reti a 1000 kV. Anche le interconnessioni con l'estero sono potenziate: gli scambi fisici di energia tra l'Italia e i Paesi confinanti che fino al 1965 si posizionavano al di sotto dei 5000 GWh quintuplicano e nel 1987 superano i 25000 GWh, e allo stesso tempo l'Italia accresce progressivamente anche la sua dipendenza energetica dall'estero. Il fatto più rilevante è il passaggio da una produzione basata per l'80% sull'energia idroelettrica ad una improntata allo sfruttamento del petrolio e derivati, anche a causa dell'aumento vertiginoso della domanda e dell'esaurimento delle riserve idriche italiane. Il contributo dato dall'energia nucleare nel 1965 si va progressivamente assottigliando con gli anni, per la mancata costruzione di nuove centrali. La crisi petrolifera del 1973 condiziona fortemente la politica energetica in Europa e il carbone viene nuovamente preso in considerazione come combustibile. Nel 1975 viene varato il Piano Energetico Nazionale (PEN), che sarà periodicamente aggiornato ma subirà gravi ritardi di realizzazione. Per quanto riguarda l'ENEL, il Piano prevede che l'Ente debba indire "simultaneamente gare per l'assegnazione di otto centrali elettronucleari da 1.000 MW". Il PEN prevede quindi un apporto di impianti atomici per una potenza complessiva di 20.000 MW entro il 1985. Il 1979, con la rivoluzione in Iran, comporta ancora notevoli aumenti dei prezzi del greggio, così come la guerra tra Iran e Iraq (settembre 1980), che porta il prezzo del barile a raggiungere in media i 36 dollari, quasi il triplo di quello del 1978. L'inizio degli anni Ottanta porta con se la nascita di una rinnovata coscienza ambientale. Sono questi gli anni in cui la ricerca di fonti di energia rinnovabili e "pulite" tra cui in particolare le eoliche e solari riceve grande impulso.

Anteprima della Tesi di Marco Gobbetti

Anteprima della tesi: Produzione e distribuzione dell'energia elettrica in Italia. Gli effetti delle recenti normative, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Marco Gobbetti Contatta »

Composta da 214 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 16690 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 42 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.