Skip to content

La costruzione sociale del knowledge management: opportunità ed ostacoli

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
VI generazione di conoscenza, cultura organizzativa (e sottoculture), struttura organizzativa, ruolo professionale e persona sociale, viscosità del sapere, memoria organizzativa, relazione di potere, creatività. Al termine della disamina delle questioni inerenti al trattamento della conoscenza, dunque, si sarà in grado di procedere a due operazioni: innanzitutto, sarà possibile evidenziare e delineare i tratti strutturali fondamentali di una nuova immagine organizzativa – l’organizzazione indeterminata, ossia una proiezione sul futuro delle dinamiche e delle tendenze del presente, emergenti dall’incrocio tra fattori esterni (trend socio-economici e socio-culturali) e fattori interni (trend di evoluzione delle strutture e delle culture organizzative e dimensioni identificate come cruciali per la gestione della conoscenza) alle imprese stesse. Sull’altro fronte, invece, sarà possibile descrivere le criticità cui va incontro ogni sistema per la gestione della conoscenza; in particolare, tali criticità saranno individuabili proprio per mezzo della prospettiva visuale adottata la quale, situando le problematiche organizzative a livello delle persone che per prime le esperiscono (i lavoratori comuni, principalmente), consente di cogliere gli aspetti che ostacolano la gestione del sapere, o che ne relativizzano le possibilità, riferendoli alle condizioni contestuali e contingenti in cui il sistema gestionale è applicato. Al primo obiettivo, e dunque alla rappresentazione dell’organizzazione indeterminata si giungerà in chiusura della seconda parte, tirando le fila e raccogliendo numerosi spunti della riflessione esposta precedentemente. Per meglio chiarire questo punto, l’idea che sottende a tale operazione è proprio quella espressa dalle parole “tirando le fila”: l’immagine dell’organizzazione indeterminata vuole essere una raffigurazione, un’illustrazione di una realtà potenzialmente in divenire nel futuro, individuata sulla base di alcune tra le più importanti tendenze attualmente in atto nel mondo delle organizzazioni; ciò che si farà, dunque, sarà “pinzare” tali dinamiche e tenderle in avanti, per prospettare una configurazione organizzativa ideal-tipica che potrebbe conseguire alla focalizzazione sulla conoscenza e sulla gestione di tale risorsa. Al secondo obiettivo si giungerà invece nella terza ed ultima parte del presente lavoro, in quella sede saranno illustrate alcune questioni critiche dei processi gestionali del sapere con riferimento, però, non a possibili situazioni future, bensì a dinamiche del presente. Nello specifico, in quella sezione s’identificheranno i fattori che contribuiscono alla viscosità della conoscenza, ritrovandoli principalmente in tre dimensioni: una pratica (legame tra conoscenza e proprio contesto originario di sviluppo e riferimento), l’altra culturale (memoria organizzativa/identità sociale/inerzia cognitiva), l’ultima trasversale a tali ambiti, ed inerente principalmente alle relazioni di potere e di fiducia intraorganizzative. Inoltre, si porrà l’accento su una questione pedagogica, ossia su come l’impresa orientata al sapere possa effettivamente fare in modo che questo divenga un patrimonio pubblico per i propri dipendenti, venendo acquisito ed interiorizzato da ognuno di questi (ciò mette in campo, infatti, alcune questioni di rilievo inerenti la capacità di disapprendimento dei soggetti, la loro disponibilità all’apprendimento, nonché le fattive modalità d’incameramento del sapere); connessa a tale tematica, inoltre, è quella dell’utilizzo della conoscenza appresa (difatti, si metterà
Anteprima della tesi: La costruzione sociale del knowledge management: opportunità ed ostacoli, Pagina 3

Preview dalla tesi:

La costruzione sociale del knowledge management: opportunità ed ostacoli

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Davide Nicolotti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Giuseppe Bonazzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 534

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

conoscenza organizzativa
conoscenza tacita
knowledge management
learning organization
sociologia dell'organizzazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi