Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Evoluzione organizzativa e rivoluzione normativa nel settore auto: market pull e regolamento (CE) n. 1400/2002

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2.2.1 Standardizzazione produttiva Henry Ford ebbe il merito di saper cogliere i bisogni latenti del mercato e di concepire di conseguenza il prodotto, ed il metodo produttivo, più idoneo a soddisfare tali necessità. La sua intuizione si basava sul grande numero di famiglie americane, circa venti milioni nel 1905 (Volpato, 1989, p.136), e sulla possibilità di implementare un processo produttivo innovativo, che consentisse l’acquisto dell’auto anche alle famiglie di reddito modesto e non più solo ad un 22 ristretto pubblico di facoltosi. Il principio fondamentale ed innovatore di tale processo produttivo era quello della standardizzazione della produzione, che a sua volta era resa possibile dal perseguimento di due importanti innovazioni: Standardizzazione dei pezzi necessari alla realizzazione dell’autoveicolo attraverso nuove tecniche e tecnologie produttive. Ford fu il primo a cogliere l’importanza ed a introdurre un sistema di calibrazione unico (cfr. nota 13). Questo era un fattore di importanza fondamentale in quanto l’unità di misura e le tolleranze con cui venivano realizzati i pezzi venivano uniformati. Inoltre fu il primo ad introdurre macchine utensili di recente innovazione, torni frese e trapani, che permettevano di cogliere il nuovo metodo di misurazione e che insieme a questo permettevano di produrre dei pezzi che risultavano identici. Parcellizzazione e specializzazione della forza lavoro. Ford fu infatti anche il primo che colse l’importanza dei principi tayloristici implicanti 23 una divisione scientifica del lavoro. In base a questi si modificò l’idea dell’operaio specializzato e multicompetente delle officine artigiane, cfr. Capitolo 2.1, e si introdusse la figura di un’operaio generico che al limite 22 La sua individuazione e la seguente schematizzazione è frutto di una personale rielaborazione e sintesi, si spera a ragione, dell’analisi della produzione di massa espressa da Woomak, Roos e Jones (1991, pp.23-53). 23 Dall’assertore di questa teoria ipotizzata nell’ultimo decennio dell’ottocento ed espressa nell’opera “Principi di organizzazione scientifica del Lavoro”, principi predicanti lo studio scientifico degli standard e dei tempi elementari di lavoro. AA.VV., “Taylor (Fredrik Winslov)” (1970, vol.XIV, p.669). 18

Anteprima della Tesi di Marco Cozzi

Anteprima della tesi: Evoluzione organizzativa e rivoluzione normativa nel settore auto: market pull e regolamento (CE) n. 1400/2002, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Marco Cozzi Contatta »

Composta da 202 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2608 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.