Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Evoluzione organizzativa e rivoluzione normativa nel settore auto: market pull e regolamento (CE) n. 1400/2002

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2.2 La produzione di massa Con l’inizio del nuovo secolo si realizza la transizione di quest’industria da una produzione artigianale ad una produzione di massa. Se però nella precedente fase di carattere artigianale il primato stava ancora nel vecchio continente, sono ora gli Sati Uniti che diventano il nuovo punto di riferimento. Come vedremo subito ciò può essere ricondotto ad una duplicità di fattori: di carattere strutturale e di carattere contingente o, per così dire, d’intuizione imprenditoriale. Dal punto di vista strutturale è da segnalarsi innanzi tutto una più viva dinamica 15 del settore industriale in genere, e di quello dell’industria meccanica in particolare. Ciò permise alle imprese americane di focalizzare la propria attività sulla progettazione delle parti più specifiche della vettura, come il telaio ed il motore, e di affidare la realizzazione dei componenti ad imprese meccaniche 16 esterne che per queste operazioni risultavano più efficienti. I costruttori automobilistici statunitensi ricalcavano quindi una struttura orizzontale (Volpato, 1989, p. 9), basata cioè sull’assemblaggio di parti prodotte esternamente, che permetteva di sopperire alla limitata disponibilità finanziaria accennata nel paragrafo precedente. Nelle imprese automobilistiche europee, che invece contavano in genere su di un’industria meccanica meno sviluppata, la produzione di tutti i componenti necessari era realizzata all’interno dell’azienda in lotti piccoli e costosi, ricalcando così una struttura di tipo verticale (Ibidem). L’onerosa realizzazione di queste produzioni richiedeva quindi una maggior disponibilità di 17 risorse finanziarie, che sappiamo in questo periodo di natura scarsa, e che possono quindi essere viste sia come un problema di carattere strutturale che come una prima sorta di barriere all’ingresso. 15 Nel 1860 la produzione industriale tedesca era pari al 90% di quella americana, mentre alla vigilia della prima guerra mondiale ne equivaleva solo al 40%, Volpato, G (1989, p.7). 16 Per la definizione di efficienza si veda nota 6. 17 Ciò sembra vero soprattutto per l’Italia, dove si sostiene che molto del successo iniziale della Fiat sia da ricondurre alla sua notevole dotazione di capitali che le permise di produrre quasi tutto al suo interno. Volpato, G. (1989, p. 9). 15

Anteprima della Tesi di Marco Cozzi

Anteprima della tesi: Evoluzione organizzativa e rivoluzione normativa nel settore auto: market pull e regolamento (CE) n. 1400/2002, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Marco Cozzi Contatta »

Composta da 202 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2608 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.