Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Mediatore europeo e la figura dell'Ombudsman nei Paesi Scandinavi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

dei funzionari di corte e l’adempimento dei loro rispettivi obblighi. La principale arma nelle mani dell’Ombudsman consisteva nel diritto di perseguire legalmente quei funzionari che fossero stati giudicati colpevoli. Suddetto ufficio, più tardi conosciuto come Cancelliere della Giustizia, è tuttoggi presente e coesiste con l’istituto dell’Ombudsman. Quando Re Gustavo Adolfo fu deposto nel 1809 il Parlamento svedese adottò una nuova Carta fondata sul principio dell’equilibrio di poteri fra il Re e il Parlamento (Riksdag). La Svezia aveva in effetti conosciuto, nei due secoli precedenti, gli abusi dell’assolutismo monarchico e si comprese perciò la necessità di attuare una divisione di poteri fra Corona e Dieta, tale da poter costituire garanzia di reciproca moderazione e di mutuo controllo. Movendo dagli spunti che già offriva la Costituzione del 1772, fu accentuata la distinzione delle funzioni e degli organi così che il potere legislativo fu attribuito congiuntamente al Re e al Riksdag, rifuggendo quindi da una integrale applicazione del principio della separazione dei poteri. La Carta stabilì che il Re avrebbe nominato il Cancelliere della Giustizia, mentre al Riksdag spettava l’elezione dello Jiustitieombudsman. Costui doveva essere “un uomo dalla rinomata abilità nel campo giuridico e di grande integrità”. Avrebbe assistito il Parlamento in materia giudiziaria, e quale rappresentante dell’organo legislativo e secondo le istruzioni ricevute, avrebbe avuto il compito di sorvegliare l’osservanza delle leggi e dei principi fondamentali dello Stato. 12 12 EKLUNDH, The Swedish Parliamentary Ombudsman System, in Human Rights Commissions and Ombudsman Offices, The Hague, 2000.

Anteprima della Tesi di Silvia Froldi

Anteprima della tesi: Il Mediatore europeo e la figura dell'Ombudsman nei Paesi Scandinavi, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Silvia Froldi Contatta »

Composta da 161 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3226 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.