Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'art. 86 del Trattato Ce e la liberalizzazione dei servizi pubblici in Europa

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo Primo Le origini e gli scopi dell’art. 86 I.1. La ricostruzione postbellica e l’intervento degli Stati nella gestione dei servizi di interesse economico generale I l progetto europeo, nella sua parte economica, mira attraverso un progressiva integrazione delle economie dei Paesi partecipanti, a creare uno spazio unico senza frontiere interne nel quale siano assicurate libertà di circolazione di merci, capitali, servizi e persone. Tutto ciò non solo per garantire una crescita omogenea, sostenuta ed equilibrata in tutti gli Stati membri, ma anche per creare condizioni di integrazione tali da prevenire i rischi di nuovi conflitti tra i Paesi europei. Queste “libertà” rappresentano i pilastri della costruzione europea e non è difficile comprendere quanto possa essere stato arduo per gli estensori del Trattato istitutivo delle Comunità europee costruire ex novo un sistema di norme coerente e calibrato per superare “armoniosamente” le barriere nazionali esistenti nei mercati. Tutte le norme del Trattato sono il frutto di approfondite e lungimiranti analisi e ancora oggi, a più di 40 anni di distanza, 1

Anteprima della Tesi di Antonio Barreca

Anteprima della tesi: L'art. 86 del Trattato Ce e la liberalizzazione dei servizi pubblici in Europa, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Antonio Barreca Contatta »

Composta da 433 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9171 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.