Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La società dell'informazione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

far capire che nel primo caso si può parlare di "Società in Rete", nel secondo certamente no. Se però quest'area esclusa - magari perché è ancora legata ad un'agricoltura rurale - attraverso l'uso delle tecnologie riesce in qualche modo ad entrare in un circuito di scambi, diventando un nodo di una rete in cui transitano dei flussi di ricchezza, vendendo via Internet i suoi prodotti in altre parti del mondo, compie un passo in avanti verso lo status di "in Rete", senza tuttavia configurarsi come "Informazionale". Informazionale indica il fatto che a differenza delle società industriali del passato in cui la cultura era uno strumento di dominio sulla natura, oggi la cultura rimanda a se stessa poiché grazie alla tecnologia si è realizzato il dominio quasi totale della cultura sulla natura. L'interazione e l'organizzazione sociali si svolgono in una dimensione puramente simbolica, l'informazione quindi è diventata la chiave di volta dell'organizzazione sociale. Anche la ricostruzione storica di Armand Mattelart (7) ci conferma l'assoluta non novità della nozione di "Società dell'Informazione". Quello dell'autore francese è soprattutto un progetto di critica alle parole; dal momento che il linguaggio ha la capacità di configurare le rappresentazioni collettive, soprattutto in relazione agli scenari che si vanno profilando, molto spesso questo viene adoperato sulla scorta di determinati interessi - specialmente economici - per la definizione di opportuni "discorsi redentori" sul potere salvifico delle nuove tecnologie. "Neo- darwinismo informatico", "tecnodeterminismo" sono i termini usati per definire questo modo di intendere e di pubblicizzare la nuova società totalmente comunicante che ci sta di fronte, insistendo sempre e soltanto sugli aspetti positivi, dimenticando del tutto, in buona fede o meno, che oltre alle opportunità si vanno definendo anche nuovi modelli di potere e di egemonia culturale che determineranno l'esclusione di un gran numero di persone da questo nuovo tipo di società. Senza contare gli aspetti legati al controllo della vita privata del cittadino. Secondo la ricostruzione di Mattelart i presupposti della nascita della "Società dell'Informazione" vennero posti alla metà del XV secolo con l'invenzione della stampa a caratteri mobili che diede vita ad un flusso di informazione nuova. Cinquant'anni dopo l'invenzione di Gutenberg erano già stati prodotti più di otto

Anteprima della Tesi di Claudio Simeone

Anteprima della tesi: La società dell'informazione, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Claudio Simeone Contatta »

 

Questa tesi ha raggiunto 6384 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.