Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Internet, il calcio e il suo pubblico

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Il giornalista di oggi deve possedere una cassetta degli attrezzi ben più grande e fornita di quella di ieri, deve essere un osservatore e ascoltatore del mondo sociale, in modo da saper leggere e raccontare la realtà sinteticamente, chiaramente e al maggior numero di persone possibile. Il rischio di questo percorso sta nella “pigrizia” di quanti non riescono a capire che le nuove tecnologie sono sempre un’opportunità per rendere migliore il giornalismo e per aver quindi, in futuro, operatori della comunicazione migliori di prima. Uno degli obiettivi di questa ricerca è anche capire come i fenomeni dell’agenda setting e della spirale del silenzio siano cambiati o abbiano portato effetti diversi con l’avvento dell’informazione in rete. L'agenda setting dà ai media il potere di focalizzare l’attenzione del pubblico su certi temi invece che su altri, semplicemente dandogli maggiore risonanza e mettendoli in primo piano nella gerarchia dell’informazione. La spirale del silenzio 4 è invece quel processo che si sviluppa nel pubblico nei confronti di quegli argomenti che i media tendono a considerare minoritari. L’effetto di questo è che gli individui smettono di parlare di certi temi perché nella propria agenda diventano di secondo ordine o perché si sentono “fuori dal discorso”. Gli studi fatti sulla stampa e sulla televisione, in merito a questi processi, hanno portato alla conclusione che il pubblico è fortemente influenzato, anche se in modo diverso, da entrambi. Spesso molte persone non hanno altre fonti di notizie nella propria vita o comunque a quelle che hanno danno meno importanza rispetto al giornale o alla televisione. La differenza tra i due media la fanno essenzialmente i tempi. Il giornale esce ogni mattina e non ha quindi la possibilità nell’arco della giornata di pubblicare notizie. Dal canto suo ha in più la possibilità di poter approfondire gli argomenti. La televisione ha la possibilità, durante la giornata, di dare le notizie e di proporre anche le immagini, anticipando il giornale, ma allo stesso tempo, non ha molto spazio per approfondire i temi. La televisione ha quindi un potere di enfatizzazione dell’argomento in modo tempestivo e supportato dalle immagini, il giornale ha un potere di gerarchizzazione maggiore e, soprattutto, di approfondimento. E il giornalismo on-line che potere ha? 4 Teoria sviluppatasi in Germania e portata avanti in particolare da Elisabeth Noelle-Neuman, "The Spiral of Silence: Public Opinion, Our Social Skin", Chicago-London, The University of Chicago Press, 1984.

Anteprima della Tesi di Francesco Di Costanzo

Anteprima della tesi: Internet, il calcio e il suo pubblico, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Francesco Di Costanzo Contatta »

Composta da 132 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6199 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.