Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I villaggi turistici come forma di integrazione sociale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 considerata completa se questi non aveva fatto un lungo viaggio, possibilmente all�estero. Il filosofo inglese John Locke al riguardo affermava che ai membri della upper class non era possibile sottrarsi al gran tour che si concludeva inevitabilmente a Roma e che arricchiva lo spirito rettificando il giudizio, rimuovendo i pregiudizi, forgiando le maniere esteriori che plasmavano il completo gentleman (cit. da Boyer, 1997: p. 28). Gli ultimi trent�anni del Seicento vedono i giovani nobili britannici impegnati in attivit� educative che possano distinguerli, viaggiare pi� di qualsiasi altro popolo europeo. ��viaggiare diventa un�arte elitaria; l�antica parola normanna tour acquista un senso nuovo che, nel XVIII secolo, gli inglesi coglieranno appieno�� (id.). Le sorgenti termali abbandonate per secoli a causa delle epidemie e perch� ritenute dalla Chiesa nocive ai buoni costumi, divennero di nuovo centri di attrazione per le classi pi� agiate. Montaigne scrisse un reportage di tipo moderno sui suoi viaggi nelle localit� termali della Francia, della Germania e dell�Italia. Egli definito da Saint Beuve il primo turista, abbina alla sua missione diplomatica romana una sosta salutare per bere le acque termali, lasciandosi strada facendo guidare dalla propria fantasia e curiosit�, solerte a conformarsi ai costumi del paese non somigliando a coloro che portano con se gli occhiali del proprio villaggio, inforcava quelli di ogni luogo in cui passava. Nel 1552 si stampano le prime guide. La parola guida deriva dal termine provenzale guis e definisce uno scritto che indica un percorso utilizzato in origine dai pellegrini diretti a Santiago di Compostela, Roma o Gerusalemme. Carlo Estienne membro della grande famiglia di tipografi, fu il primo ad avere l�idea di stamparne una. I nuovi libri portabili, che vennero presto chiamati manuali, riscuotono un vivo successo presso i viaggiatori tanto da essere ristampati numerose volte. La guida elenca le citt�, i borghi, i castelli, le distanze, i punti di riferimento, le locande, le stazioni di posta, gli arcivescovadi, le abbazie, la guida contempla le specialit� gastronomiche e le attivit� economiche, vi sono spunti per ogni genere di turista. Francesco Bacone (Nocifora, 2001: p. 249) scriveva ��150 sterline in lettere di cambio sono generalmente considerate una somma ampiamente sufficiente per un viaggio di un anno��. I viaggiatori calcolavano la quantit� di denaro che era loro necessaria per raggiungere la prima citt� in cui poter commerciare una lettera di cambio. A Fynes Morrison fu concessa una borsa di studio per un viaggio da parte del College di Peterhouse (Cambridge). Egli viaggi� tra il 1591 e il 1595 e dovette affrontare ogni specie di pericoli ed ostacoli: arriv� fino in Terra Santa, fu derubato pi� volte e dovette travestirsi in vari modi. Lasci� i seguenti consigli ai viaggiatori che dovevano fermarsi in una locanda: ��il viaggiatore dovrebbe osservare con attenzione gli altri occupanti della sua camera e all�occorrenza, anche il suo compagno diletto,

Anteprima della Tesi di Ash Ilardi

Anteprima della tesi: I villaggi turistici come forma di integrazione sociale, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Ash Ilardi Contatta »

Composta da 161 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4455 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.