Skip to content

I villaggi turistici come forma di integrazione sociale

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
10 considerata completa se questi non aveva fatto un lungo viaggio, possibilmente all�estero. Il filosofo inglese John Locke al riguardo affermava che ai membri della upper class non era possibile sottrarsi al gran tour che si concludeva inevitabilmente a Roma e che arricchiva lo spirito rettificando il giudizio, rimuovendo i pregiudizi, forgiando le maniere esteriori che plasmavano il completo gentleman (cit. da Boyer, 1997: p. 28). Gli ultimi trent�anni del Seicento vedono i giovani nobili britannici impegnati in attivit� educative che possano distinguerli, viaggiare pi� di qualsiasi altro popolo europeo. ��viaggiare diventa un�arte elitaria; l�antica parola normanna tour acquista un senso nuovo che, nel XVIII secolo, gli inglesi coglieranno appieno�� (id.). Le sorgenti termali abbandonate per secoli a causa delle epidemie e perch� ritenute dalla Chiesa nocive ai buoni costumi, divennero di nuovo centri di attrazione per le classi pi� agiate. Montaigne scrisse un reportage di tipo moderno sui suoi viaggi nelle localit� termali della Francia, della Germania e dell�Italia. Egli definito da Saint Beuve il primo turista, abbina alla sua missione diplomatica romana una sosta salutare per bere le acque termali, lasciandosi strada facendo guidare dalla propria fantasia e curiosit�, solerte a conformarsi ai costumi del paese non somigliando a coloro che portano con se gli occhiali del proprio villaggio, inforcava quelli di ogni luogo in cui passava. Nel 1552 si stampano le prime guide. La parola guida deriva dal termine provenzale guis e definisce uno scritto che indica un percorso utilizzato in origine dai pellegrini diretti a Santiago di Compostela, Roma o Gerusalemme. Carlo Estienne membro della grande famiglia di tipografi, fu il primo ad avere l�idea di stamparne una. I nuovi libri portabili, che vennero presto chiamati manuali, riscuotono un vivo successo presso i viaggiatori tanto da essere ristampati numerose volte. La guida elenca le citt�, i borghi, i castelli, le distanze, i punti di riferimento, le locande, le stazioni di posta, gli arcivescovadi, le abbazie, la guida contempla le specialit� gastronomiche e le attivit� economiche, vi sono spunti per ogni genere di turista. Francesco Bacone (Nocifora, 2001: p. 249) scriveva ��150 sterline in lettere di cambio sono generalmente considerate una somma ampiamente sufficiente per un viaggio di un anno��. I viaggiatori calcolavano la quantit� di denaro che era loro necessaria per raggiungere la prima citt� in cui poter commerciare una lettera di cambio. A Fynes Morrison fu concessa una borsa di studio per un viaggio da parte del College di Peterhouse (Cambridge). Egli viaggi� tra il 1591 e il 1595 e dovette affrontare ogni specie di pericoli ed ostacoli: arriv� fino in Terra Santa, fu derubato pi� volte e dovette travestirsi in vari modi. Lasci� i seguenti consigli ai viaggiatori che dovevano fermarsi in una locanda: ��il viaggiatore dovrebbe osservare con attenzione gli altri occupanti della sua camera e all�occorrenza, anche il suo compagno diletto,
Anteprima della tesi: I villaggi turistici come forma di integrazione sociale, Pagina 10

Preview dalla tesi:

I villaggi turistici come forma di integrazione sociale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Ash Ilardi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Luisa Maniscalco
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 161

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

relazioni sociali
vacanze attive
turismo
villaggi turistici

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi