Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I villaggi turistici come forma di integrazione sociale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 rilento. La Svizzera aveva soltanto alcune strade alpine strette e tortuose; nemmeno in Belgio e nei Paesi Bassi la situazione era migliore. Solo Napoleone per scopi strettamente militari incominci� a migliorare le reti stradali in molte parti d�Europa. Fece costruire un certo numero di strade lunghe e diritte il cui fondo veniva cosparso di ghiaia (in francese fu dato il nome di chauss�es - carreggiate), erano sorvegliate da corpi di guardia che ne rendevano pi� sicuro il percorso. I vari viaggi furono di carattere cosmopolita e compiuti su vasta scala dal nord al sud dell�Europa. E di questo periodo il rilancio della penisola italiana come m�ta turistica grazie alla scoperta di siti di notevole interesse come Ercolano nel 1738 e Pompei nel 1748. L�Italia era vista dai viaggiatori colti europei come il paese del s�le, del dolce clima, dei paesaggi, dell�arte e della Magna Grecia; per cui il viaggio oltre ad avere un carattere formativo e culturale, assumeva anche un carattere ludico e naturalistico. Da ci� si pu� intuire quale fascino per i viaggiatori inglesi, francesi e tedeschi suscitasse il Meridione, a cui venivano ispirati centinaia di diari, taccuini, poemi e opere di viaggio pubblicate e diffuse. Queste pubblicazioni che ebbero un�ampia divulgazione, diedero all�Italia una certa immagine che tutt�oggi in parte, perdura all�estero. Di enorme sviluppo per lo sviluppo del turismo fu la costruzione delle ferrovie. L�invenzione della macchina a vapore diede l�avvio a quella che viene giustamente chiamata rivoluzione industriale: essa segn� anche per l�industria dei trasporti, l�inizio di una nuova era. Fra il 1830 ed il 1850 molti paesi costruirono le loro prime linee ferroviarie. Viaggiare con la ferrovia fu agli inizi pi� uno sport che un divertimento. Sui vagoni di terza classe, aperti, si era esposti al vento, alla pioggia, al fumo della locomotiva. In seconda classe si viaggiava al coperto, ma, ancora esposti a micidiali correnti d�aria. Persino in prima classe il viaggio era meno comodo che in diligenza. In meno di mezzo secolo per� il treno miglior� tanto da diventare il mezzo di trasporto pi� sicuro, comodo e rapido. Velocit� di cento e pi� chilometri all�ora non furono pi� un�eccezione, si svilupp� rapidamente una rete ferroviaria internazionale con grandi treni espressi colleganti tra loro le principali citt� (l�Orient Express che arrivava fino ad Istanbul, la Transiberiana). Anche negli Stati Uniti d�America si ebbero treni che attraversavano il paese da costa a costa, da un oceano all�altro. Per rendere pi� confortevoli i viaggi sui tragitti pi� lunghi, furono aggiunti ai treni a lungo percorso carrozze con letti e carrozze- ristoranti. Le prime circolarono negli Stati Uniti per iniziativa di Georges Pullman il quale mise su rotaia veri e propri alberghi e ristoranti viaggianti: le carrozze erano lussuose, rivestite di legno di noce, con lampade di ottone e posate d�argento.

Anteprima della Tesi di Ash Ilardi

Anteprima della tesi: I villaggi turistici come forma di integrazione sociale, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Ash Ilardi Contatta »

Composta da 161 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4456 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.