Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'autonomia tra conviventi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

- 6 - alcuna forma solenne 10 . Infatti, la celebrazione pubblica non � necessaria per la validit� dell�atto matrimoniale, ma � soltanto richiesta perch� il matrimonio sia lecito e non clandestino. Secondo tale principio consensualista si riteneva validamente contratto il matrimonio sulla base dell�accertamento della semplice promessa tra due persone di prendersi − rispettivamente − per marito e moglie, pur in assenza di celebrazione (sponsalia de presenti), persino quando l�assunzione del vincolo fosse avvenuta di nascosto (matrimonia clandestina). Proprio l�assenza di ogni formalismo ha indotto ad ammettere la possibilit� di fornire la prova di tali negozi non soltanto per mezzo di testimoni, o per atto notarile, ma anche sulla base di semplici presunzioni. Tra queste, un�importanza fondamentale ha assunto proprio la convivenza more uxorio, ritenuta determinante (in assenza di una dimostrazione diretta dello scambio delle dichiarazioni), soprattutto con riguardo ai giudizi circa la legittimit� della prole 11 . A tal riguardo alcuni autori parlano della teoria del mariage pr�sum�, ovvero del possesso di stato di coniuge 12 . 10 BRUNETTA D�USSEAUX e D�ANGELO, Matrimonio, matrimonii. L�alambicco del comparatista II, Milano, 2000, pag. 24. 11 In proposito gli autori parlavano di una vera e propria quasi possessio matrimonii, dimostrabile provando che �Titiam et Caium, qui dicetur parentes istius, tenuisse, reputasse ac tractasse se invecem, ut maritus et uxor�. BETTETINI, La secolarizzazione del matrimonio nell�esperienza giuridica contemporanea, Padova, 1996, pag. 79. 12 Sul punto BUSNELLI e SANTILLI, in op. ult. cit., pag. 762. Tale disciplina consensualistica � successivamente affermata anche nel Concilio Laterano (1215) indetto da Innocenzo III, con l�inserimento di alcune norme per contrastare maggiormente i matrimoni clandestini, come l�obbligo per i fidanzati di far procedere il matrimonio dalle pubblicazioni (denuncitiones o banni). Cos�, BRUNETTA D�USSEAUX e D�ANGELO, in op. cit., pag. 25.

Anteprima della Tesi di Cristiano De Angelis

Anteprima della tesi: L'autonomia tra conviventi, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Cristiano De Angelis Contatta »

Composta da 319 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3539 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 26 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.