Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli incidenti stradali nel periodo 1989-1998: aspetti sociali ed economici

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

I dati raccolti sono successivamente aggregati e integrati con altri parametri di riferimento (popolazione, veicoli circolanti, rete stradale, ecc.). 1.3 Cenni storici 1 Le prime rilevazioni statistiche sugli incidenti stradali in Italia risalgono al 1934, quando lo sviluppo dell'automobilismo e della circolazione portarono ad un aumento considerevole degli incidenti stradali. Fin dal primo gennaio di quell'anno, infatti, il R.A.C.I. (Reale Automobile Club d’Italia), dopo aver preso accordi con l'Istituto Centrale di Statistica, che ne appoggiò l'iniziativa, iniziò una regolare rilevazione. Prima d'allora, non era mai stata compilata una statistica completa, anche se fin dal 1919 era stata inclusa nella statistica ufficiale quella riguardante i morti causati dai mezzi di trasporto, ma niente che riguardasse il numero dei feriti, degli incidenti e dei mezzi coinvolti. La rilevazione iniziata col primo gennaio 1934 dal R.A.C.I. fu eseguita ininterrottamente, utilizzando le fonti allora esistenti, fino al 1 Cfr. ISTAT-ACI, Statistica degli incidenti stradali, annuario ISTAT, 1952

Anteprima della Tesi di Saverio Franchi

Anteprima della tesi: Gli incidenti stradali nel periodo 1989-1998: aspetti sociali ed economici, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Saverio Franchi Contatta »

Composta da 271 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2164 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.