Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Integrazione sociale: multimedialità e teatro nel mondo del disabile fisico

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

I tentativi fatti per la sua interpretazione sono vari e mettono in evidenza la sua multidimensionalità del termine stesso, ovvero la molteplicità dei parametri (analitici e funzionali) che occorrono a precisare i significati e a volte a cambiare punto di vista secondo il parametro considerato. Infine la cultura può avere diverse dimensioni: soggettiva, oggettiva, di riduzione della complessità, cognitiva e prescrittiva. Quest’ultima è molto importante per il nostro discorso sull’integrazione del disabile nella società, perché in questo caso la cultura assolve il compito di regolazione dei rapporti tra membri di una determinata collettività. Così valori e norme orientano il modo in cui gli individui e la collettività agiscono, rendendo prevedibile e integrabile il loro comportamento affinché sia possibile l’instaurarsi di un ordine sociale, qualunque esso sia. Per ciò queste regole e valori condivisi contribuiscono a rispondere a domande quali: Che cosa è buono e che cosa è cattivo? Come si definiscono i ruoli? e fra queste domande metterei senza alcuna ombra di dubbio: Che cosa è normale e cosa non lo è? Che cosa è diverso e che cosa non lo è? 3 Su queste domande poi ci soffermeremo più avanti. Concludendo sul concetto di cultura possiamo affermare che tutte le dimensioni elencate sono intrecciate e nella realtà sociale e trovano legittimità proprio in questa loro stretta dipendenza.Possiamo così proporre che la cultura è mettere in evidenza sia l’aspetto singolare, inteso come singolo membro di una data società o gruppo che ha una propria coscienza e libera costruzione di essa, sia l’aspetto collettivo, nel quale l’individuo fa parte di un certo gruppo (formato da simili) e dunque agisce in un quadro di riferimento prestabilito che egli, alla nascita, trova già codificato e che gli fornisce gli strumenti necessari per esprimere poi la propria singolarità. La cultura non è altro che il significato, l’orientamento, contenuto ed efficacia dell’azione umana. 3 Ividem.

Anteprima della Tesi di Elisa Maria Gallotti

Anteprima della tesi: Integrazione sociale: multimedialità e teatro nel mondo del disabile fisico, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Elisa Maria Gallotti Contatta »

Composta da 346 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11627 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.