Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I musicisti italiani e la viola d'amore nella prima metà del Settecento

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 Viola d�Amor/ Ovvero Viole d�Amour. � una specie di Dessus de Viole che ha sei corde d�acciaio o di ottone come quelle del clavicembalo, e che viene suonata con un archetto nel modo solito. Ci� produce un suono argentino che ha qualcosa di molto gradevole. 20 � interessante notare come la prima testimonianza settecentesca sia anche la prima che riferisca la presenza di una sesta corda. I successivi trattati della prima met� del Settecento che prendono in considerazione la viola d�amore senza corde di risonanza, ovvero il Musikalischer Trichter di Martin Fuhrmann 21 , la Musikalische Handleitung di Friederich Erhardt Niedt 22 e il Musikalisches Lexicon di Johann Gottfried Walther 23 , propongono descrizioni che poco si discostano dalle precedenti. Si distingue, invece, la descrizione che Johann Philipp Eisel fa della viola d�amore nel Musicus ex semetipso 24 . Dopo aver presentato la comune viola d�amore a cinque corde, Eisel richiama l�attenzione su un nuovo tipo di viola d�amore a sette corde di invenzione italiana: Non esiste quindi un tipo pi� nuovo di viola d�amore?/S�. I signori italiani, secondo la loro naturale invenzione musicale, hanno portato l�opera cos� avanti, che essi da poco tempo hanno prodotto la viola d�amore a sette corde. 25 20 �Viola d�Amor/ C�est � dire, Viole d�Amour. C�est une espece de Dessus de Viole qui a six Chordes d�acier ou de Laitton comme celles du Clavessin, & que l�on fait sonner avec un Archet � l�ordinaire. Cela produit un son argentin qui a quelque chose de fort agr�able�, SEBASTIAN DE BROSSARD, Op. cit., p. 219. 21 MARTIN FUHRMANN, Musikalischer Trichter, Frankfurt an der Spree, s. e., 1706, p. 93. 22 FRIEDERICH ERHARDT NIEDT, Op. cit. 23 JOHANN GOTTFRIED WALTHER, Musikalisches Lexicon, Leipzig, W. Deer 1732. Ripr. facsimile Kassel-Basel, B�renreiter, 2001, p.638. 24 JOHANN PHILIPP EISEL, Musicus ex semetipso (Musicus autodidaktos), Erfurt, Funcken, 1738. 25 �Gibt es denn nicht noch eine neuere Art der Viole d�Amour. / Ja die Herren Itali�ner haben nach ihrer angebohrnen musicalischen Invention das Werk so hoch hinauf getrieben, daβ sie vor kurzer Zeit gar die Viole d�Amour von 7 Saiten heraus gebracht.�, Ivi, p. 36.

Anteprima della Tesi di Valentina Montanucci

Anteprima della tesi: I musicisti italiani e la viola d'amore nella prima metà del Settecento, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Valentina Montanucci Contatta »

Composta da 210 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5101 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.