Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I musicisti italiani e la viola d'amore nella prima metà del Settecento

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 dall�arco 27 . La medesima notizia viene riferita, prima del 1626, dal cancelliere inglese Francis Bacon 28 . La pi� antica testimonianza figurativa di viola d�amore con corde di risonanza � un affresco sul soffitto della Chiesa della Trinit� a Salisburgo di Johann Michael Rottmayr risalente al 1697. Ancora pi� antichi sono i disegni, riportati da Georg Kinsky, 29 che riproducono una viola d�amore, costruita da Jacob Steiner prima del 1683 � anno della sua morte �, con dodici piroli, che presuppongono la presenza delle corde di risonanza. Tra le testimonianze letterarie precedentemente citate, l�unica che potrebbe contenere un riferimento alla presenza di corde di risonanza sulla viola d�amore � il trattato di Speer 30 , ma abbiamo visto che si tratta di un passaggio piuttosto ambiguo. Un articolo di Patrizio Barbieri 31 del 1989, apparso sulla rivista Recercare, ha riportato all�attenzione un documento molto interessante di provenienza italiana. Si tratta della Polyanthea technica, redatta dall�antiquario romano Giovanni Pietro Pinaroli, in cui l�autore dichiara che, nel 1718, fu testimone dell�applicazione di corde di risonanza ad una viola d�amore da parte di tale Cristoforo Signorelli: l�anno del 1718 nel tempo che scrivevo questo capitolo [�] l�istesso osservai nello strumento detto viola d�amore, a cui il signor Christoforo Signorelli milanese ha 27 MICHAEL PRAETORIUS, Op. cit. 28 FANCIS, BACON, Sylva sylvarum or a Naturall Historie, ed. postuma a cura di W. Rawley, London, Lee, 1627. 29 GEORG KINSKY, Musikhistorisches Museum von Wilhelm Heyer, K�hln, Breitkopf & H�rtel, 1912. 30 Si veda, in questo cap., pp. 10-11. 31 PATRIZIO BARBIERI, Cembalaro, organaro, chitarraro e fabbricatore di corde armoniche nella Polyanthea technica di Pinaroli (1718-1732), in �Recercare�, I, 1989, pp. 123-209; p. 165.

Anteprima della Tesi di Valentina Montanucci

Anteprima della tesi: I musicisti italiani e la viola d'amore nella prima metà del Settecento, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Valentina Montanucci Contatta »

Composta da 210 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5101 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.