Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le Autorità indipendenti: profili di diritto comparato

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

70' sviluppandosi successivamente negli anni '80 e 90' 2 . Negli anni 70’ si ha l'istituzione della Commissione Nazionale per le Società e la Borsa (CONSOB) regolamentata con la Legge 216/74; nei successivi anni '80 si assiste all'istituzione della prima Autorità di garanzia dei diritti fondamentali, il Garante dell'editoria istituito con la Legge 416/81 trasformato successivamente con la Legge 223/90 in Garante per la radiodiffusione e l'editoria (che sarà poi sostituito dall’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni); segue nel 1982 con la L. 576 l'istituzione dell’Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni private e di interesse collettivo (ISVAP). In seguito si verifica un fenomeno che si può definire di proliferazione delle Autorità che segna un momento particolarmente importante negli anni '90 con il sorgere di numerose Autorità. Questa situazione si determina da un lato per i processi di liberalizzazione di settori economico-sociali importanti per dimensione e per valenza strategica quali telecomunicazioni ed energia, dall’altro per l’affermarsi della necessità di porre in essere una serie di garanzie a tutela dei diritti costituzionali garantiti, quali l'antitrust, le comunicazioni e la privacy che hanno comportato l'esigenza di individuare organismi di tutela e regolamentazione. Inoltre, si può dire che un impulso importante è rappresentato anche dalla progressiva estensione della normativa comunitaria che, elaborata in seno all’U. E., pone la necessità di adeguare gli ordinamenti nazionali degli Stati membri comportando anche risposte in termini operativi. Prendono vita così le Autorità di regolazione dei servizi pubblici 3 , dando origine all’Autorità per l'Energia Elettrica ed il gas, istituita nel 1995 con la L. 481 e di cui si farà un’ampia trattazione nel prossimo capitolo nonchè l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni istituita nel 1997 con la L. 249. Anche il mercato segnala la necessità di prevedere un organismo che offra maggiore tutela e che si concretizza con l’istituzione dell’Autorità garante della concorrenza e 2 Si veda il Documento conclusivo dell’indagine conoscitiva sulle Autorità amministrative indipendenti approvato dalla Commissione Affari costituzionali della Camera dei Deputati nella seduta del 4 Aprile 2002. 3 Per un approfondimento V. Pispisa, Le Autorità di regolazione dei servizi di pubblica utilità, in Le Autorità indipendenti, a cura di Guido Clemente di San Luca, G. Giappichelli Editore Torino 2002, p. 173 ss.

Anteprima della Tesi di Patrizio Nonnato

Anteprima della tesi: Le Autorità indipendenti: profili di diritto comparato, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Patrizio Nonnato Contatta »

Composta da 68 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2946 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.