Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le organizzazioni non profit. Il caso polisportiva Paolo Poggi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 (Istituzioni Pubbliche di Assistenza e Beneficenza) delle Opere Pie, trasformazione che completò nel 1923 sotto il Regime Fascista. Il settore non profit di matrice cattolica cessò di operare come settore autonomo, ed iniziò una storia centenaria di relazioni peculiari con l’ente pubblico. Lo sforzo di secolarizzazione della società italiana intrapreso con queste leggi, fu assai lontano dall’essere completo; in effetti, nel corso dei decennio successivi, le èlite religiose ed i servizi assistenziali che esse gestivano, conservarono un consistente grado di autonomia. Quest’autonomia si accrebbe ulteriormente nel corso del ventennio fascista (1922-1943) quando, con la firma del concordato del 1929, cessarono le ostilità tra lo Stato e la Chiesa Cattolica. Il Concordato non solo concesse alla Chiesa una consistente autonomia d’azione, ma dichiarò anche il cattolicesimo religione nazionale, ponendo seriamente in discussione il principio liberale della separazione tra chiesa e Stato; si può forse affermare che da allora le istituzioni cattoliche sono state considerate come istituzioni pubbliche o semi pubbliche. Come risultato della lotta tra Stato e Chiesa, molte organizzazioni di matrice religiosa che avevano sino ad allora soddisfatto la gran parte dei bisogni della popolazione in tema di salute, educazione ed assistenza divennero parte del sistema pubblico della sicurezza sociale, assumendo con ciò una peculiare natura giuridica. Il loro status può oggi essere descritto come una sorta di via di mezzo tra il pubblico ed il privato, oppure tra il secolare e il religioso. Dopo l’approvazione della costituzione repubblicana, avvenuta nel 1948, la legge Crispi restò a lungo immutata, nonostante l’articolo 38 della stessa costituzione stabilisse che “l’assistenza privata è libera”, consentendo con ciò ai privati di fornire servizi assistenziali senza dover assumere la veste giuridica dell’ente pubblico. Alcuni ritengono che l’incongruenza tra il dettato costituzionale, che dichiarava libera l’assistenza privata, e la

Anteprima della Tesi di Davide Grilli

Anteprima della tesi: Le organizzazioni non profit. Il caso polisportiva Paolo Poggi, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Davide Grilli Contatta »

Composta da 249 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2896 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.