Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le organizzazioni non profit. Il caso polisportiva Paolo Poggi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 legge Crispi, che imponeva la natura pubblica a chiunque si occupasse d’assistenza fu a lungo tollerata dalla chiesa perché la legge 1890 aveva, di fatto, garantito molti vantaggi alle IPAB. Tra questi bisogna menzionare il finanziamento pubblico per l’acquisto di beni capitali, come la strumentazione medica, o per la ristrutturazione ed il risanamento degli edifici, nonché un facile accesso ai fondi pubblici per la gestione dei servizi assistenziali e sanitari attraverso contratti e convenzioni. Inoltre, la natura pubblica delle IPAB non rappresentò un grave impedimento all’allora Amministrazione, che continuò ad essere attuata in accordo con la volontà dei fondatori, la Chiesa Cattolica in particolare. E’ solo nel 1981 che la Corte dichiarò incostituzionale l’art. 1 della legge Crispi che, di fatto, proibiva la prestazione di servizi assistenziali da parte di soggetti privati. L’integrazione politica della classe operaia, può essere considerata come la seconda sfida che la nuova elite nazionale si trovò ad affrontare dopo l’unificazione soprattutto con l’avvio dell’industrializzazione (1890-1914). L’obiettivo era di ridurre il livello dello scontento e della protesta sociale e, in questo modo, di aprire la via al processo d’industrializzazione del paese. Per ottenere questo risultato fu intrapresa in modo assai graduale e per certi versi contraddittorio, la costruzione di un sistema pubblico di sicurezza sociale; questa politica portò con sé anche il superamento graduale delle istituzioni autonomamente create dai lavoratori, le società di mutuo soccorso, che andavano sviluppandosi verso la fine del XIX secolo. Il processo, che incontrava il favore della classe lavoratrice (che pian piano si vedeva più tutelata) e consentiva di attenuare la carica contestatrice, ebbe l’effetto di lungo periodi di fare progressivamente sparire le istituzioni assistenziali e sanitarie autonomamente create dai lavoratori, per sostituirle in modo pressoché totale con istituzioni pubbliche.

Anteprima della Tesi di Davide Grilli

Anteprima della tesi: Le organizzazioni non profit. Il caso polisportiva Paolo Poggi, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Davide Grilli Contatta »

Composta da 249 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2894 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.