Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le organizzazioni non profit. Il caso polisportiva Paolo Poggi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 1.1.1 Il principio di sussidiarietà e le sue applicazioni Sempre più rilevante per il Terzo Settore è il principio di sussidiarietà, il quale risponde alle esigenza della partecipazione dei cittadini alla vita sociale e della comunità. Il concetto della sussidiarietà affonda le radici nella dottrina sociale della chiesa e trova una sua formulazione compiuta nella Enciclica Pontificia “Rerum Novarum” 1891 di Leone XIII. In base al concetto di sussidiarietà i cittadini e le loro organizzazioni sociali rivestono la centralità di soggetti primari della vita pubblica: compito delle istituzioni è di valorizzare e sostenere la capacità di questi soggetti di rispondere ai bisogni dei cittadini e della comunità. Nella terminologia militare romana, la parola “subsidium” si riferiva alle truppe di riserva, pronte ad intervenire in aiuto di quelle impegnate in prima linea; in latino, “subsidium ferre”, significa “portare aiuto”. Quando parliamo di “sussidiarietà” ci riferiamo ad un concetto presente da lungo tempo nella riflessione filosofica e politica, ma recentemente tornato di grande attualità, sia per la crisi dei sistemi di Welfare, sia per l’importanza che ad esso riconosce la Comunità Europea nei suoi recenti trattati. Già San Tommaso D’Aquino, rifacendosi al pensiero aristotelico, formulò alcune considerazioni sul principio di sussidiarietà e sul concetto, ad essa collegato, di “bene comune”; lo definì come il frutto dei contributi di tutti i membri di una comunità, siano essi individui o gruppi. E’ solo in un contesto collaborativo basato su solidarietà e convivenza pacifica, che la personalità umana può svilupparsi liberamente. Si possono dare interpretazioni molto diverse della sussidiarietà: una visione più tradizionale, conservatrice, vede tale principio come “difesa delle comunità più piccole dall’invasione delle comunità più grandi”, mentre un’interpretazione positiva, meno difensiva, afferma che “una comunità più grande ha l’obbligo di

Anteprima della Tesi di Davide Grilli

Anteprima della tesi: Le organizzazioni non profit. Il caso polisportiva Paolo Poggi, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Davide Grilli Contatta »

Composta da 249 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2896 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.