Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il ruolo della logopedia nella riabilitazione del bambino autistico

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

INTRODUZIONE GENERALE L’Autismo, un enigma che colpisce da 1 a 3 bambini su 1.000; non si conoscono le cause di una patologia così devastante ma l’eziopatogenesi organica è oggi accertata. Come dice Utah Frith « è ora di respingere il mito della “madre frigorifero” nato per dare una spiegazione all’inspiegabile in un’epoca in cui tante patologie ad eziologia organica venivano attribuite a “traumi psicologici” creando per più di 50 anni false credenze poi sostenute dalle distorte modalità con cui venivano riportati i dati a sostegno dei casi clinici». Alla luce delle nuove scoperte si dovrebbe far tesoro dell’esperienza accumulata nel campo dell’Autismo per “schivare” erronee ed inutili proposte terapeutiche, perché queste non tengono conto adeguatamente della complessità del fenomeno. Tra le tante incertezze che riguardano l’Autismo, l’evoluzione di migliaia di casi clinici ci dà oggi almeno una certezza: la prognosi favorevole è direttamente proporzionale alla precocità d’intervento. Esistono ora mai indicatori precisi che sostengono il team medico-riabilitativo nel porre una diagnosi precoce anche prima dei 2-3 anni di età del bambino. Malgrado ciò in Italia l’Autismo nei bambini viene ancora diagnosticato troppo tardi. Proprio questa diagnosi tardiva induce ad una prognosi “sfavorevole”, mentre una diagnosi precoce, seguita da un’altrettanta tempestività terapeutica permetterebbero di bloccare o rallentare il processo di devastazione che si mette in atto a causa dell’involuzione autistica. Addirittura, nei migliori dei casi, l’intervento precoce permette ai bambini di perdere la diagnosi di Autismo dopo qualche anno di intervento. Nel caso contrario, si è visto quanto il tempo perso sia irrecuperabile: purtroppo i peggioramenti di un bambino autistico non riabilitato evolvono esponenzialmente di mese in mese. Queste osservazioni generali portano ad una considerazione precisa: l’Autismo necessita di un intervento intensivo e precoce. Il naturale eco

Anteprima della Tesi di Liviana Jatta

Anteprima della tesi: Il ruolo della logopedia nella riabilitazione del bambino autistico, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Liviana Jatta Contatta »

Composta da 117 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 29638 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 51 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.