Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le metamorfosi delle sentenze interpretative di rigetto

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

poter re-interpretare non solo i parametri costituzionali addotti dal giudice di rinvio, ma anche gli enunciati legislativi impugnati. Ora, e nell’uso che ne farò in seguito, posso affermare che enunciato legislativo, testo legislativo, sono sinonimi di disposizione. La disposizione quindi è una proposizione linguistica, che appartiene ad una fonte del diritto. <>. L’attività ermeneutica che ha ad oggetto la disposizione porta alla norma, la quale costituisce pertanto il risultato, il “frutto” dell’interpretazione 4 . La norma, come significato (o meglio, uno dei possibili significati) da assegnare ad una data disposizione <<è una variabile dipendente dell’interpretazione 5 >>. La disposizione, quale formula appartenente al diritto oggettivo, <>. 3 V. CRISAFULLI, Disposizione (e norma), in Encicl. Dir., XII vol., Milano, 1964, pag. 203. L’Autore dedica qualche accenno a tale differenza concettuale anche in Lezioni di diritto costituzionale, Padova, Cedam, 1984, pag. 397-398. 4 Questa distinzione non sembra avvertita da P VIRGA, Diritto costituzionale, Milano, Giuffrè, 1975, pag. 614, dal momento che egli afferma: <>. Alla luce dell’impostazione sopra delineata, disposizione normativa suona come un ossimoro! Anche P. BARILE-E. CHELI-S. GRASSI, Istituzioni di diritto pubblico , Padova, Cedam, pag. 366 parlano di <> (non di disposizione). Di tutt’altra opinione è invece P. BISCARETTI DI RUFFIA, Diritto costituzionale, Napoli, Jovene, 1981, pag. 603; per l’Autore la disposizione altro non è se non una formula linguistica testuale; la norma invece esprime la statuizione, ricavabile per via interpretativa, contenuta nel testo stesso. 5 R. GUASTINI, Le fonti del diritto e l’interpretazione, Milano, 1993, pag. 18. 6 V. CRISAFULLI, Disposizione(e norma), cit, pag.196.

Anteprima della Tesi di Silvia Forcolin

Anteprima della tesi: Le metamorfosi delle sentenze interpretative di rigetto, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Silvia Forcolin Contatta »

Composta da 116 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3525 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 18 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.