Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I movimenti no-global: natura, idee, evoluzione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Introduzione ricomprendono queste diverse istanze. Chi sono i no-global? In paro- le povere sono coloro che in un modo o nell’altro contestano gli ef- fetti della globalizzazione in corso. Sbaglia però chi crede che quello dei no-global sia un movimento compatto ed omogeneo al proprio in- terno. Il cosiddetto “popolo di Seattle” ad esempio racchiude in sé diverse componenti di questa variegata tendenza a criticare la globalizzazione. Nei gruppi no-global trovano dunque cittadinanza idee e proposte diverse, riconducibili alle diverse culture politiche sopraccitate. La ragione che mi ha portato a scegliere l’opposizione alla globaliz- zazione come tema di studio sta nella grande attualità di questo ar- gomento, che fa discutere tanto l’opinione pubblica quanto esperti opinionisti e scienziati sociali, e che ha catturato l’interesse dei gran- di media mondiali. La mia intenzione è quella di gettare uno sguardo su questo mondo così variegato e complesso al proprio interno, per capire dove trovi origine la cultura politica che si oppone alla globalizzazione, quale siano le idee, le analisi e le proposte che ne derivano. Svilupperò il mio lavoro in cinque parti: la prima parte consiste nella presente introduzione; la seconda parte è di carattere storico-generale, e in essa andrò a fare il punto sulle origini dell’anti-globalismo, la sua natura, le diverse anime che lo compongono, gli strumenti che utilizza e il suo com- plesso rapporto con i mass-media; la terza è una parte politica ed economica, dove accennerò alla crisi della democrazia e dello Stato-nazione, la visione politica dei no- global, le loro critiche all’imperialismo americano, il ruolo di orga- nizzazioni come Amnesty International e Greenpeace che a tutti gli effetti si possono classificare come transnazionali, per poi trattare la visione dei no-global riguardo l’economia, le loro critiche al neo- liberismo come pensiero unico messo in pratica dalle multinazionali e le loro proposte;

Anteprima della Tesi di Fabrizio Baldi

Anteprima della tesi: I movimenti no-global: natura, idee, evoluzione, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Fabrizio Baldi Contatta »

Composta da 174 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8260 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 29 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.