Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il commento giornalistico: uno sguardo alla scrittura di Beppe Severgnini

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 un vero e proprio commento: ci� avviene quando costituisce il complemento di un resoconto politico (�) Le notizie, quarta specie dell�informazione politica, comunicano brevemente un fatto minore e le reazioni che ha determinato (�) Infine c�� il commento (�) Le diverse posizioni ci dicono quale importanza il direttore annette a questo articolo e quale peso ha voluto dargli�. 17 L�informazione, non solo politica, con ovvie distinzioni in base agli argomenti trattati e con differenze e preferenze che variano da pagina a pagina, ancor di pi� da quotidiano a quotidiano, ancora oggi viene organizzata secondo questa suddivisione delle notizie e distribuita in una tipologia di articoli che � rimasta tale. Pi� precisamente Alberto Papuzzi assicura che �esiste una tradizionale nomenclatura degli articoli, in base alla quale le varie tecniche di rappresentazione della notizia possono essere diversamente sfruttate: dunque il rapporto del giornalista con il testo muta secondo la tipologia dell�articolo� 18 . In base a ci� che afferma Papuzzi � operante e fondamentale la separazione tra cronaca e commento. Nell�ambito della cronaca � ovvio che �notizia� non indica solo il nucleo del giornalismo, ma anche �il testo base per comunicare i fatti notiziabili, quello che contiene gli elementi essenziali�. Il servizio, di cui il resoconto (l�esposizione lineare dei fatti) e il reportage (che dilata la notizia cogliendo le sfumature pi� significative dei fatti) sono due tipologie specifiche, aggiunge informazioni, descrizioni, ipotesi e secondo alcuni manuali comprende tutti i pezzi pi� lunghi della semplice notizia. Per quanto riguarda il commento, l’articolo di fondo, rigorosamente in prima pagina, ne � l�espressione pi� classica; l�editoriale e l�opinione sono forme pi� elastiche che offrono un pluralismo di posizioni sui problemi; il corsivo (commento polemico, ironico e tagliente allo stesso tempo) e la rubrica (spazio riservato al dialogo tra i lettori e un commentatore) sono, ancora, sottoclassi dell�editoriale e dell�opinione. 17 P. Murialdi, Come si legge un giornale, Roma-Bari, Laterza, 1976, pp. 43-49. 18 A. Papuzzi, Etica e tecnica, in AA.VV., Stile Stampa, Torino, La Stampa, 1998, pp. 3- 67: p. 42.

Anteprima della Tesi di Claudia Sechi

Anteprima della tesi: Il commento giornalistico: uno sguardo alla scrittura di Beppe Severgnini, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Claudia Sechi Contatta »

Composta da 296 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3667 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.