Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La reintroduzione del gipeto (Gypaetus Barbatus) sulle Alpi. Analisi del comportamento al nido e dopo l'involo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

La deposizione delle uova avviene tra gennaio e febbraio ed in alcuni casi (come osservato nelle coppie Himalaiane) già a novembre e dicembre; ogni coppia de- pone solitamente due uova (tondeggianti, di color crema, con macchie e punteg- giature) a 4-7 giorni di distanza l’una dall’altra. Non tutte le coppie si riprodu- cono ogni anno; alcune alternano anni in cui allevano pulli ad altri con assenza di riproduzione, senza una regola fissa (Brichetti et al. 1992). La cova, della durata di 55-60 giorni, inizia dopo la deposizione del primo uovo ed è effettuata prevalentemente dalla femmina, anche se spesso il ma- schio le dà il cambio restando sulle uova per 2-3 ore al giorno (Brichetti et al. 1992) La schiusa avviene in marzo, periodo in cui solitamente si ha un abbondan- te disponibilità di cibo; con lo scioglimento delle nevi, infatti, affiorano le carcasse di ungulati morti durante la stagione invernale. Nei piccoli, subito dopo la schiusa, si manifesta un comportamento parti- colare, il cosiddetto “cainismo”, una forma di dominanza del primogenito sul pullo più giovane che si concretizza, in 24-26 ore dalla schiusa, in una morte per insufficienza alimentare del 2° nato; Brown (1990), in osservazioni effet- tuate in Sud Africa, ha notato che il primogenito, anche se apparentemente sazio, continua a nutrirsi con il cibo portato dai genitori, impedendo al fra- tello di alimentarsi, ma solo in pochi casi è stato osservato un comportamento aggressivo come quello che si riscontra nelle aquile (Meyburg, 1974). Questo tipo di comportamento, riscontrabile in molte specie di rapaci (ma solo nella Aquila pomarina con le stesse modalità e motivazioni), nel caso del Gipeto è un comportamento innato, che si manifesta in tutte le nidiate ed è indipenden-

Anteprima della Tesi di Michelangelo Vernice

Anteprima della tesi: La reintroduzione del gipeto (Gypaetus Barbatus) sulle Alpi. Analisi del comportamento al nido e dopo l'involo, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Michelangelo Vernice Contatta »

Composta da 114 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1369 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.