Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Origini controllate: l'eugenetica in Italia 1900-1924

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 Galton si chiese, nel 1883, se fosse possibile migliorare le condizioni della generazione umana, come già era avvenuto per altre specie viventi, in modo da ottenere, razionalmente e scientificamente, generazioni future di uomini biologicamente migliori. In tempi rapidi, senza dover aspettare la lenta opera di miglioramento della selezione naturale degli individui meno adatti. In agricoltura e zootecnia da tempo erano state perfezionate tecniche di incrocio empiriche che avevano avuto come risultato il miglioramento delle razze animali domestiche; allo stesso modo, suggeriva Galton, anche per l'uomo la ricerca scientifica avrebbe potuto perfezionare sistemi efficaci per il miglioramento biologico delle generazioni future 5 . Partendo dalla zootecnia empirica, Galton ne era convinto, la scienza avrebbe stabilito ben presto gli elementi della eugenica: gli elementi del "razionale allevamento" umano. La risposta ai suggerimenti eugenici contenuti nelle pubblicazioni di Galton e Darwin fu quasi immediata. In Inghilterra gli allievi e collaboratori di Galton giunsero ben presto a definire ed "istituzionalizzare" i rudimenti della nuova scienza, creando un laboratorio di misurazioni antropometriche e istituendo in seguito una cattedra di eugenetica. Accanto all'opera di questi accademici poi, un moto di opinione pubblica colta entusiasta diede vita ad una associazione privata, la Eugenics Education Society, con funzione di propaganda e approfondimento delle nuove teorie della "buona generazione" umana, mentre aumentava a vista d'occhio il numero degli studiosi delle più diverse discipline che si occupava di eugenica. All'inizio del XX secolo la nuova scienza della "stirpicoltura" aveva conquistato in Inghilterra uno spazio considerevole. E si era diffusa in altri paesi europei ed extraeuropei, suscitando l'interesse di numerosi scienziati e la curiosità di una opinione pubblica discretamente vasta. Negli Stati Uniti d'America già nel 1903 l'eugenica poteva vantare l'appoggio dei laboratori di studio della "American Breeders Association", nonché la presenza su diverse pubblicazioni di scienziati e cultori della materia. Così in Germania, fin dal 1900, la nuova scienza, conosciuta col nome di "Igiene della razza", veniva descritta e approfondita su giornali specializzati e all'interno di comitati e associazioni; ugualmente comitati ed associazioni per lo studio della scienza eugenica erano sorti in pochi anni 5 ) - Le opere in cui Francis Galton definisce l'eugenica sono l'articolo "Eugenics" nell'"American Journal of Sociology", luglio 1904, "Hereditary Genius" (London, 1869), "Inquiries into human faculty" (London, 1883) e le ricerche pubblicate nel 1911

Anteprima della Tesi di Massimo Ciceri

Anteprima della tesi: Origini controllate: l'eugenetica in Italia 1900-1924, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Massimo Ciceri Contatta »

Composta da 387 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12615 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.