Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Origini controllate: l'eugenetica in Italia 1900-1924

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 di vent'anni sulla opportunità di istituire e rendere obbligatorio un Certificato medico prematrimoniale. Come si è detto, gli eugenisti italiani furono sempre estremamente cauti e moderati nelle loro proposte. Poichè avevano rifiutato la via della sterilizzazione di massa e della eliminazione fisica degli elementi "disgenici", per forza di cose, alla ricerca di applicazioni pratiche delle teorie eugeniche, dovettero ripiegare sullo strumento del Certificato medico prematrimoniale obbligatorio come unica proposta sostenibile a sostegno della salute delle generazioni future. La discussione sulla opportunità di imporre il Certificato medico positivo obbligatorio per chi volesse contrarre matrimonio fu dunque decisamente centrale e strategica per l'eugenica italiana: sebbene essa non si fosse mai conclusa in qualche realizzazione consistente, resta comunque il momento più vivo e importante del dibattito. Nell'ultimo capitolo, infine, si delinea il punto di vista del mondo cattolico in relazione ai temi dell'eugenica, attraverso la lettura dell'opera di Padre Agostino Gemelli. La posizione dei cattolici nel dibattito sull'eugenica, oltre ad essere un argomento difficilmente trascurabile, è per noi elemento importantissimo per spiegare la più volte citata "moderazione", caratteristica degli eugenisti italiani. La tesi che viene proposta nel capitolo è quella di un mondo cattolico realmente presente, vigile ed attento ai delicatissimi risvolti etici delle nuove discipline. Un mondo cattolico il cui peso critico ed il cui influsso moderatore furono nella eugenica italiana se non decisivi, per lo meno molto influenti nell'orientare le scelte. Ecco dunque il mio percorso attraverso l'eugenica: un percorso che volutamente ho deciso di limitare al 1924, escludendo dalla trattazione la storia della eugenica durante il fascismo. Questo, sostanzialmente, per due motivi. Anzitutto per una questione di praticità. La imprevista ricchezza dell'argomento mi ha suggerito fin dalle prime battute di approfondirne una sola parte, piuttosto che tentare una trattazione estesa ma necessariamente superficiale del tema in tutta la sua estensione cronologica. E poi per la considerazione abbastanza intuitiva che esiste una profonda diversità (anche quantitativa, nel numero delle fonti consultabili) tra l'eugenica di prima e dopo l'avvento di Mussolini alla guida dello stato italiano. In conclusione propongo, con questa tesi, un rapido sguardo su un tema nuovo. Un tema che, nel particolare clima del mondo d'oggi, sempre più

Anteprima della Tesi di Massimo Ciceri

Anteprima della tesi: Origini controllate: l'eugenetica in Italia 1900-1924, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Massimo Ciceri Contatta »

Composta da 387 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12614 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.