Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Potenzialità e limiti del calcestruzzo cellulare autoclavato secondo i criteri di sostenibilità ambientale e di eco-efficienza del prodotto

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

La sostenibilita’ nelle costruzioni Pag.11 stretta relazione tra edificio ed ambiente, e quindi al concet- to di salubrità del costruire con uno specifico riferimento ai prodotti ed ai materiali da costruzione. Gli scritti di Vitruvio saranno un punto di riferimento, molti degli autori che lo seguiranno partiranno, infatti, dalle sue concezioni per inte- grarle con le conoscenze del loro tempo. Il periodo medioevale è quello che ha presentato maggiori difficoltà: un primo ostacolo è stato rappresentato dalla dif- ficoltà di reperimento del materiale, infatti proprio a causa di questo, molti spunti che si rivelavano interessanti, non si sono potuti approfondire; un secondo ostacolo è stato lo scarso interesse che il periodo ha serbato per l’argomento in particolare, e per l’architettura in generale. Inoltre un con- tributo che si pensava potesse essere importante, cioè quel- lo degli Statuti Urbanistici, in realtà si è rivelato di scarso interesse, perché più rivolti a questioni di igiene pubblica piuttosto che ad una corretta impostazione del rapporto edi- ficio-ambiente. Gli altri autori considerati nella ricerca, che vanno dalla metà del ‘400 fino alla fine del ‘700, presentano caratteri di omo- geneità con tematiche e metodologie di analisi molto simili fra loro. Le uniche due figure che spiccano per originalità sono Leon Battista Alberti e Vincenzo Scamozzi. La tratta- zione portata avanti dal famoso architetto quattrocentesco ha come spunto l’opera di Vitruvio e si allarga attraverso il sapere del suo periodo. Nell’Alberti vi è una completa con- sapevolezza del rapporto causa-effetto tra le azioni dell’uo- mo e l’ambiente e viene posta alla base delle considerazioni che riguardano l’attività edificatoria. Il trattato di Vincenzo Scamozzi si è rivelato il più approfondito: l’autore si occupa della salubrità dell’ambiente, inteso come luogo in cui sor- gerà l’edificio, approfondendo le tematiche della bontà del- l’aria, dell’acqua, del terreno, del percorso dei venti, e dei climi delle diverse città. Il periodo, invece, che va dalla metà dell’Ottocento e si esten- de fino a metà del Novecento non è certo stato preso in considerazione per mancanza di spunti, ma per la vastità, infatti l’evoluzione del rapporto uomo-ambiente di questo periodo presenta elementi molto complessi, poiché viene ad intrecciarsi con un evento di forte impatto come la rivoluzio- ne industriale. La definizione di sostenibilità come consape- volezza in ogni intervento sul territorio ed azione progettuale, rispecchia pienamente le conoscenze espresse dagli autori analizzati: in particolare, di ogni autore sono stati citati i brani testualmente, secondo un criterio di catalogazione cro- nologico e critico.

Anteprima della Tesi di Simona Curtetti Boido

Anteprima della tesi: Potenzialità e limiti del calcestruzzo cellulare autoclavato secondo i criteri di sostenibilità ambientale e di eco-efficienza del prodotto, Pagina 10

Tesi di Dottorato

Dipartimento: Dipartimento di Ingegneria dei Sistemi Edilizi

Autore: Simona Curtetti Boido Contatta »

Composta da 220 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8276 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.