Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Potenzialità e limiti del calcestruzzo cellulare autoclavato secondo i criteri di sostenibilità ambientale e di eco-efficienza del prodotto

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

La sostenibilita’ nelle costruzioni Pag.12 1.2.1.1 Il periodo tardo antico IPPOCRATE Ippocrate, medico greco, nasce a Coo nel 460 a.C. E’ consi- derato il fondatore della medicina scientifica, a lui vanno ascritte circa settanta opere costituenti il cosiddetto Corpus Hippocratum, anche se recentemente la critica ha ricono- sciuto la presenza di un pensiero sostanzialmente omoge- neo, in un gruppo di circa venti opere. Particolarmente signi- ficativo è il pensiero espresso in una delle sue opere più famose, il trattato “Arie acque luoghi” in cui è definita una stretta correlazione fra le malattie e le condizioni climatiche e geografiche. Ippocrate inizia il suo discorso dettando i principi primari dell’indagine medica, e così facendo viene ad interessarsi indirettamente dei requisiti fondamentali di una “costruzio- ne sostenibile”: Fattori che determinano la salubrità del luogo “Perciò, quando si arriva in una città di cui non si ha espe- rienza, si deve fare attenzione alla sua posizione, a come è orientata rispetto ai venti e al sorgere del sole. L’orienta- mento a settentrione o a mezzogiorno, a levante o a occi- dente comportano influssi diversi. L’esame deve essere il più possibile preciso, ed estendersi alla qualità delle acque: si deve vedere se le acque usate sono stagnanti e tenere, o dure e provenienti da luoghi alti e rocciosi, oppure salmastre e difficili da digerire. Quanto al suolo si deve vedere se è spoglio e privo d’acqua, se è infossato e afoso, oppure ele- vato e fresco. Quanto al modo di vita degli abitanti, si deve vedere che cosa preferiscono: se bevono molto, mangiano spesso e sono pigri, oppure se fanno molti esercizi fisici, amano la fatica, mangiano molto e bevono poco.” 17 1.IP Città esposte ai venti caldi “Prendiamo in esame una città esposta ai venti caldi e cioè quelli che spirano fra il sorgere e il tramonto del sole d’inver- no; se questi venti la investono costantemente e ci sono ripari dai venti settentrionali, in questa città le acque saran- no senz’altro abbondanti, salmastre, superficiali, calde d’esta- te e fredde d’inverno. Gli abitanti avranno la testa umida e piena di flegma, i visceri frequentemente scossi dal flagma che scorre giù dalla testa; saranno per lo più cadenti nel- l’aspetto, non grandi mangiatori e bevitori.” 18 2.IP

Anteprima della Tesi di Simona Curtetti Boido

Anteprima della tesi: Potenzialità e limiti del calcestruzzo cellulare autoclavato secondo i criteri di sostenibilità ambientale e di eco-efficienza del prodotto, Pagina 11

Tesi di Dottorato

Dipartimento: Dipartimento di Ingegneria dei Sistemi Edilizi

Autore: Simona Curtetti Boido Contatta »

Composta da 220 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8276 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.