Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gi studi strategici e sulla sicurezza tra passato, presente e futuro: una, nessuna o due scienze autonome?

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

sostiene, ad esempio, che la guerra Ł un fenomeno sociale complesso e, quindi, non pu essere studiato principalmente, od esclusivamente, in termini di strategie degli attori coinvolti. Per questo motivo, gli studi strategici hanno diritto di esistere non quale campo disciplinare a se stante, ma solo in quanto parte degli studi sulla guerra e sulla pace4: soltanto cos essi potranno mantenere una loro coerenza teorica, basata sull analisi ristretta dell impatto della tecnologia militare sulle relazioni tra gli Stati (secondo quanto suggerito da B.Buzan)5, e dunque sopravvivere. A parere di Shaw, le recenti proposte di ampliamento dello spettro di analisi degli studi strategici andrebbero quindi valutate come manifestazioni di imperialismo intellettuale : in particolare, l accoglimento della definizione di L.Freedman, che dipinge la strategia come il modo in cui le persone procedono nel determinare e raggiungere i loro obiettivi in opposizione le une alle altre , annullerebbe ogni distinzione di principio tra gli studi strategici e una scienza politica che utilizzi un approccio strategico6; inoltre, questa operazione di trasferimento dell approccio strategico ad altri campi della vita sociale rischia di apparire come un espediente per mascherare le sue cattive performances nel settore di origine. Betts, comunque, dimostra di non leggere le riviste di sociologia o di non essere molto interessato ai limiti di un analisi strategica dell uso della forza militare, poichØ ribadisce esplicitamente la perdurante importanza degli studi strategici, in quanto la comprensione di ci che la forza pu ottenere in una specifica situazione non pu essere il frutto delle teorie delle relazioni internazionali correnti o derivare dall applicazione del modello della scelta razionale; tale comprensione dipende dall analisi dell interrelazione di tecnologia, organizzazione e 4 Un importante argomentazione a sostegno di questa tesi consiste nell osservare che l analisi delle conseguenze non volute dei piani strategici e degli effetti imprevisti del cozzo tra differenti interessi e corsi d azione non Ł (e forse non pu neppure essere) presa in considerazione dagli studi strategici. 5 Cfr. B.Buzan, People, States and fear, Harvester Wheatsheaf, New York 1991, p.23. 6 Cfr. M.Shaw, Strategy, cit., p.471.

Anteprima della Tesi di Celeste De Michel

Anteprima della tesi: Gi studi strategici e sulla sicurezza tra passato, presente e futuro: una, nessuna o due scienze autonome?, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Celeste De Michel Contatta »

Composta da 164 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3153 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.