Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Ipertesto, metafora di pensiero

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

il cui rapporto a sé, il cui interno è solo l’implicazione di un’altra superficie anch’essa esposta 22 ” Derrida sottolinea quindi tre analogie importanti tra Notes Magico e psichismo. Anzitutto l’insistenza freudiana sul carattere protettivo del foglio di celluloide, metafora della censura percettiva a livello preconscio: “Non c’è scrittura che non si costituisca una protezione, proteggendosi contro di sé , contro la scrittura secondo la quale il soggetto è anch’esso minacciato” 23 . La seconda analogia è relativa allo strato di cera che raccoglie la traccia permanente laddove la percezione l’aveva ormai persa: “la scrittura supplisce la percezione, prima ancora che essa si manifesti a se stessa… Il percepito non si offre alla lettura se non al passato, al di sotto della percezione e sotto di essa… La tavoletta di cera rappresenta infatti l’inconscio… Il divenire visibile che si alterna alla cancellazione dello scritto, sarebbe il rischiararsi e lo svanire della coscienza nella percezione 24 ”. La terza analogia è per Derrida la più interessante ai fini della nostra rilettura, e riguarda il carattere temporale della scrittura del notes magico, simile “all’interruzione e ricostituzione del contatto tra i diversi strati psichici più o meno profondi… La scrittura è impensabile senza la rimozione. La sua condizione è che non vi sia né un contatto permanente, né una rottura assoluta tra gli strati… Il soggetto della scrittura è un sistema di rapporti tra gli strati: del notes magico, dello psichico, della societá, del mondo 25 ” L’analogia finisce invece dove il notes magico si rivela per quel che è: “una rappresentazione meccanica. Quest’ultima non ha vita. La 22 Derrida J., Freud e la scena della scrittura, pp.289. Proprio la stratificazione delle superfici e dei piani di lettura interconnessi attirerà la nostra attenzione approfondendo il tema dell’ipertestualità. Prova ne è che è possibile sensatamente sostituire, nella citazione riportata, la parola web a Notes Magico. 23 ibidem 24 ivi, pp.290 25 ivi, pp.292. Oggi, con De Kerckhove e Pierre Lévy diremmo “del pensiero connettivo e del pensiero collettivo”. Già Althusser peraltro, nella sua rilettura del Capitale, aveva rintracciato una connessione organica tra la produzione economica e quella teorica, una struttura comune ai rapporti di produzione socio- economici e rapporti tra concetti (cfr. D’Alessandro P., Darstellung e soggettività, p.98 e ss.) 13

Anteprima della Tesi di Samuele Cattaneo

Anteprima della tesi: Ipertesto, metafora di pensiero, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Samuele Cattaneo Contatta »

Composta da 164 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3125 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.