Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La previdenza complementare nei sistemi di sicurezza sociale europei

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

CAPITOLO I I SISTEMI DI SICUREZZA SOCIALE IN EUROPA 13 necessarie per vivere (invalidi, anziani, ecc.), fa nascere l’esigenza di un coinvolgimento diretto dello Stato 6 . 1.1.1. Il modello bismarkiano Con il procedere dell’industrializzazione e l’acuirsi del conflitto tra proletariato e borghesia l’instabilità sociale aumenta. Per porvi rimedio, alla fine del XIX secolo, precisamente tra il 1883 e il 1889, il cancelliere prussiano Otto von Bismark introduce le prime misure di un moderno Stato Sociale ed istituisce un regime di leggi sociali a favore dei ceti più bisognosi. Ma è solo a partire dagli anni venti del secolo scorso che tali misure raggiungono un’estensione e un’organicità tali da poter parlare di un vero e proprio modello di sicurezza sociale con assicurazioni obbligatorie contro i maggiori rischi: povertà, malattia, infortuni sul lavoro e vecchiaia. È un nuovo tipo di Welfare, diverso dai precedenti, basato sul principio assicurativo: si intende, cioè, garantire a ciascuno un minimo di sopravvivenza, in relazione al contributo dato con il proprio lavoro, attraverso la copertura assicurativa. Da questo primo tipo di sicurezza sociale, la dottrina ha elaborato uno dei modelli fondamentali di previdenza sociale: il modello bismarkiano o delle assicurazioni sociali. In realtà il modello delle assicurazioni sociali fu preceduto dall’utilizzo delle assicurazioni private in chiave obbligatoria, con l’obbligo di assicurazione a carico dei fruitori delle prestazioni di lavoro, cioè dei datori di 6 Per una ricostruzione sintetica dell’origine della previdenza sociale vedi: Persiani, Diritto della previdenza sociale, CEDAM, 1997.

Anteprima della Tesi di Emilio Rocchini

Anteprima della tesi: La previdenza complementare nei sistemi di sicurezza sociale europei, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Emilio Rocchini Contatta »

Composta da 178 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3129 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.