Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La previdenza complementare nei sistemi di sicurezza sociale europei

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2 intervento. In questo contesto, contraddistinto da forti limitazioni, direi “originarie”, si è sviluppata l’azione comunitaria in materia di protezione sociale e armonizzazione delle misure di sicurezza sociale vigenti negli Stati membri. Negli ultimi anni questo processo ha subito una brusca accelerazione, dovuta all’attenzione che l’opinione pubblica e i governi hanno riservato alla crisi dei sistemi classici di Welfare State ed in particolare dei sistemi previdenziali e pensionistici che non ha risparmiato nessuno dei Paesi membri. L’allungamento delle aspettative di vita, il calo delle nascite e i profondi cambiamenti in atto nel mercato del lavoro stanno portando i sistemi previdenziali europei a forti squilibri finanziari. Nei costi per la spesa sociale, la previdenza costituisce nei Paesi Europei circa il 30% del PIL e si stima che continui a crescere nei prossimi decenni a causa dell’invecchiamento della popolazione. Per questo motivo tutti gli Stati sono alla ricerca di eque soluzioni volte a garantire il livello di prestazioni pensionistiche raggiunto e nello stesso tempo far fronte al crescere del loro costo. Tutta la Comunità condivide la volontà di raccogliere la sfida rappresentata dal mantenimento degli elevati livelli di protezione sociale che sono stati raggiunti negli anni, senza, però, dimenticare l’equilibrio finanziario che in molti Stati non è stato ancora raggiunto. Il compito di confrontarsi con questa nuova situazione spetta principalmente agli Stati membri, che hanno mantenuto una competenza pressoché esclusiva per ciò che riguarda le loro politiche previdenziali e, in particolare, in materia di assetti pensionistici, modellati sulle proprie specificità nazionali. Per far fronte al nuovo scenario che va proponendosi i Paesi membri dovranno riformare i propri regimi pensionistici di base, che continueranno ad

Anteprima della Tesi di Emilio Rocchini

Anteprima della tesi: La previdenza complementare nei sistemi di sicurezza sociale europei, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Emilio Rocchini Contatta »

Composta da 178 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3129 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.