Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La previdenza complementare nei sistemi di sicurezza sociale europei

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

CAPITOLO I I SISTEMI DI SICUREZZA SOCIALE IN EUROPA 9 come sostegno del reddito a favore di coloro che occupano una posizione di svantaggio nel mercato di lavoro o di coloro che versano in difficoltà economiche. Le differenziazioni tra i Paesi vertono, invece, sulle modalità e i livelli di tale sostegno, sui beneficiari del sostegno e sul metodo di finanziamento per perseguire tale obiettivo. Il nucleo originario dello Stato sociale è rappresentato della previdenza sociale, che si afferma a partire dal XIX secolo in Europa centrale, precisamente in Germania, e che poi si estende a tutti i Paesi europei. La previdenza sociale, nella sua formulazione primitiva, rispondeva alla necessità di tutelare i percettori di reddito da lavoro subordinato da eventi generatori di incapacità, temporanea o permanente, di produrre il reddito necessario alla vita propria e dei familiari a carico quali la malattia, l’infortunio sul lavoro, la disoccupazione e la vecchiaia (quest’ultima comprendente i rischi di invalidità e di morte). Con l’evolversi della situazione storica la tutela previdenziale è stata ampliata fino a ricomprendervi oggi tutti i percettori di reddito, siano essi lavoratori autonomi e subordinati ed è stato ampliato anche l’originario nucleo dei cosiddetti “eventi protetti”. Gli interventi previdenziali si sono concretizzati principalmente in un trasferimento di ricchezza sostitutivo del reddito perduto e, secondariamente, in previsioni legislative che impongono obblighi al datore di lavoro o riconoscono libertà ai lavoratori ed alle loro associazioni di rappresentanza. Del nucleo originario della previdenza, nonostante gli ampliamenti del concetto, è comunque rimasto l’antico legame con il lavoro: tutti gli eventi protetti, pur ampliati nel numero, attengono ad un bisogno derivante dall’incapacità o dall’impossibilità di lavorare in cui viene a trovarsi un soggetto: i diritti previdenziali esistono in

Anteprima della Tesi di Emilio Rocchini

Anteprima della tesi: La previdenza complementare nei sistemi di sicurezza sociale europei, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Emilio Rocchini Contatta »

Composta da 178 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3132 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.