Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'uso di posture corrette e posizioni adeguate nella gestione complessa ed articolata delle paralisi cerebrali infantili

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

dell’A.A.C.P.. E’ presente un’instabilità posturale prossimale, cioè un’incapacità del sistema nervoso centrale di stabilizzare gli elementi prossimali: tronco e, in stazione eretta, gli arti inferiori, mentre gli elementi più distali (arti superiori) agiscono nella relazione con l’ambiente con prensione e manipolazione. La difficoltà a stabilizzare il tronco spinge il bambino con la P.C.I. ad utilizzare il repertorio neuro-motorio residuo per stabilizzarsi, per cui le risorse residue utili per la prensione e la manipolazione sono utilizzate per fissarsi con una presa ad un appoggio o come schema spastico rigido. Il bambino perde le poche possibilità di prensione e manipolazione consentite dalla patologia, fondamentali in ultima analisi per apprendere, comunicare, relazionarsi. L’intervento sulla stabilità posturale è quell’intervento che intende garantire con una postura corretta ed un ausilio adeguato la stabilità prossimale affinché gli arti superiori possono essere utilizzati dal bambino in termini di prensione e manipolazione per modificare l’ambiente a sé e sé all’ambiente, per indicare, pigiare, raccogliere, impugnare, prendere, lasciare, accarezzare ecc.. Affinché il capo possa avere quanta più ampiezza articolare possibile per ruotare, estendersi, flettersi, seguire, scrutare, osservare ed impadronirsi dello spazio visivo che lo circonda. Quest’intervento s’inserisce in un intervento riabilitativo più ampio che vuole: fare emergere le potenzialità residue; sviluppare comportamenti adattivi; facilitare, sostenere gli appuntamenti che la crescita propone e gli incontri con i contesti (famiglia, scuola, società) nella maniera più fruttuosa

Anteprima della Tesi di Luigi Di Prisco

Anteprima della tesi: L'uso di posture corrette e posizioni adeguate nella gestione complessa ed articolata delle paralisi cerebrali infantili, Pagina 3

Laurea liv.I

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Luigi Di Prisco Contatta »

Composta da 155 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8861 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.