Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'uso di posture corrette e posizioni adeguate nella gestione complessa ed articolata delle paralisi cerebrali infantili

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 3 L’INTERVENTO Ancora strumenti, acciaio, molle, bulloni, viti. Strutture fredde, aride, immobili che potrebbero riempire la stanza di un bambino disabile, come bare, per dare il sigillo di una morte: quella del movimento e della postura. Sono i primi pensieri che possono attraversare la mente quando si guardano gli ausili per la stazione eretta e la posizione assisa come semplici strumenti meccanici dove i bambini con la P.C.I. sono “appollaiati” per raggiungere quelle posizioni canoniche che mancano e che non saranno mai raggiunte. Ma gli ausili possono essere molto di più se allo strumento pur sofisticato, ma sempre freddo e meccanico, si aggiunge “un’anima”. Si tratta di conoscere “l’anima”, di definirla, stabilirla, strutturarla. Darle, in qualche modo, “mani e piedi”. I bambini con la P.C.I. non sono burattini come Pinocchio e gli operatori, che a diversi livelli si occupano della P.C.I., non sono Geppetto.

Anteprima della Tesi di Luigi Di Prisco

Anteprima della tesi: L'uso di posture corrette e posizioni adeguate nella gestione complessa ed articolata delle paralisi cerebrali infantili, Pagina 6

Laurea liv.I

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Luigi Di Prisco Contatta »

Composta da 155 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8861 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.