Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Lessicografia italiana e ungherese comparata: il linguaggio informatico-telematico. Classificazione tipologica di anglicismi e neologismi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

CLASSIFICAZIONE TIPOLOGICA DI PRESTITI E CALCHI dell’interlocutore, o dello speech event 1 , o di almeno una delle unità che designano il flusso della situazione (intenzione comunicativa, argomentazione, ruolo ecc.). I segmenti che sono sottoposti all’alternanza di codice sono rappresentati da unità discorsive minime, pertanto si mantengono nella sfera dei singoli atti linguistici. - Commutazione di codice (o code switching). Consiste nell’uso alterno, cosciente o meno, di due codici nel corso dell’esecuzione di un messaggio, ovvero ciò che poco sopra si è menzionato come speech event. L’occorrenza della commutazione di codice si ha quasi esclusivamente nel parlato, soprattutto in contesti comunicativi informali, ed è caratterizzata dall’intenzionalità del parlante, di conseguenza ricopre un’accurata finalità sociocomunicativa e il segmento commutato coincide con un atto linguistico. Ancora, si differenzia dall’alternanza comunicativa poiché non mette in gioco il cambiamento dell’interlocutore ma riguarda un mutamento nel flusso della situazione che coinvolge altri fattori quali l’intenzione comunicativa, l’argomentazione, il ruolo ecc. - Enunciazione mistilingue (o code mixing o intra-sentential code switching 2 ). La commutazione si produce internamente a una stessa frase, quindi in una cornice linguistica opposta a quella che ospita la commutazione di codice. La commistione dei segmenti, determinati solo per le loro caratteristiche morfosintattiche e non considerabili come atti linguistici, non possiede alcun tipo di intenzionalità sociocomunicativa, né ha a che fare con i mutamenti nel flusso della situazione o dell’interlocutore. 1 Lo speech event denota l’evento comunicativo in atto. 2 Code switching è una denominazione proposta da Appel-Muysken (1987: 121).

Anteprima della Tesi di Arianna Bernardini

Anteprima della tesi: Lessicografia italiana e ungherese comparata: il linguaggio informatico-telematico. Classificazione tipologica di anglicismi e neologismi, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Arianna Bernardini Contatta »

Composta da 338 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4025 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.